Sappiamo di tante condizioni che possono alterare la fertilità nell’uomo: il varicocele, il fumo, l’inquinamento. A questo possiamo aggiungere adesso anche il cattivo riposo e la perdita del sonno. Secondo i ricercatori danesi in condizioni protratte di cattivo riposo vi può essere un calo di addirittura il 30 % della quantità di spermatozoi prodotti

Lo studio chiaramente si è avvalso di due gruppi di controllo , e nel gruppo che dormiva per periodi poco rilevanti (sotto le sei ore per almeno quattro settimane) è stata registrata un calo della quantità (ma anche qualità) di circa il 25% degli spermatozoi per eiaculato e una riduzione del volume dei testicoli.

Teniamone conto nei consigli da dare ai nostri pazienti.

 

Fonte: University of Southern Denmark pubblicata sulla rivista "American journal of epidemiology".