Riprendendo una notizia di un quotidiano digitale  Santitanews.it ho notato come gli "esperimenti" condotti da medici ed utenza nel mondo virtuale ingenerino riflessioni anche nelle amministrazioni.

Non penso anzi, sono certo che non si voglia giungere ai paradossi già vagheggiati da Alberto Sordi con la "visita al telefono" eseguita dal Dr. Tersilli nel chiromantico e futuribile film di Luciano Salace. Ritengo invece che l'utilizzo dei mezzi di comunicazione digitali ad elevata trasportabilità possano snellire i tempi di reazione del Medico Curante o di chi debba fornire la valutazione su di un esame. Il problema, semmai potrebbe configurarsi nella impossibilità di "sospendere il servizio" da parte del Medico che sarebbe poi virtualmente esposto ad un continuo bombardamento dal web.

Considero Medicitalia un "laboratorio" dove la medicina si esercita secondo regole condivise da una comunità scientifica che discute ma non litiga, lavora ma non è obbligata a farlo, è al servizio di tutti ma non è pagata......speriamo che i nostri politici capiscano il senso dell'esperimento.