Moltissimi italiani soffrono oggi di disfunzione erettile,di mancanza totale o parziale di erezione, che impedisce loro di portare a termine un rapporto sessuale con modalità soddisfacenti.
La disfunzione sessuale può essere “primaria”, manifestarsi cioè sin dal primo affacciarsi alla vita sessuale del paziente, “secondaria”, la cui insorgenza avviene solo in un secondo momento, dopo un primo periodo di salute e buon funzionamento sessuale.
Le cause correlate al d.e, possono essere “organiche, psichiche e miste”, anche se è veramente impensabile scorporare l’aspetto organico dalle inevitabili conseguenze psichiche e relazionali che la disfunzione sessuale ha sulla qualità della vita.
Nonostante la massiccia sensibilizzazione dei media e dei clinici che si occupano di sessualità, molti uomini che ne soffrono, non si rivolgono ancora al medico, facendo transitare la sessualità in un clima di omertà maschilista, impacciato e scarsamente soddisfacente sia gli attori protagonisti, che per la coppia in cui abitano.
Vorrei elencare alcuni aspetti della disfunzione erettile di notevole riverbero clinico, da attenzionare obbligatoriamente quando si parla di sessualità maschile sofferente.

1- Il D.E.è’ una disfunzione estremamente diffusa, sotto stimata e poco trattata nelle sue svariate manifestazioni cliniche, la cui diagnosi clinica spesso latita nel tempo, concorrendo all’insorgenza di notevoli compromissioni psicologiche e relazionali.
2- Il D.E. ha con un impatto significativo sul benessere psico-fisico dell’uomo, in quanto la funzionalità sessuale è un elemento cardine della salute sessuale in generale.
3- Il D.E. correla con i cattivi stili di vita e con le cattive abitudini in generale.
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1552/Difficolta-sessuali-consumo-alcolico-e-di-droghe-leggere
4-Il D.E,può rappresentare il campanello d’allarme per future complicanze cardiache, quindi diagnosi precoce e terapia mirata, diventano di notevole importanza
5- Oggi in clinica, salvo rarissimi casi con etiologia organica, tutti i tipi di deficit erettivo, sono curabili o trattabili
6- La poliedricità e complessità della sfera della salute sessuale, necessità di più approcci, sia di tipo medico che di tipo psicologico, con particolare attenzione alla sfera psichica e relazionale del paziente; ridurre il concetto di “cura”, alla semplice somministrazione di un’eventiuale terapia farmacologica, è vano e scarsamente risolutivo.
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/152/Andrologia-e-psico-sessuologia-due-discipline-a-braccetto
7- Un’adeguata educazione ed informazione sessuale ed emozionale, potrebbe aiutare i giovani alla prevenzione di guai sessuali e future possibili disfunzioni sessuali..
8- I farmaci pro-erettivi( cialis, levitra e viagra), non rappresentano afrodisiaci o soluzioni miracolistiche alle difficoltà erettive, ma adeguati rimedi, solo dopo scrupolosa diagnosi clinica di tipo andrologico e, valutazione dell’ampio percorso terapeutico.
9_ Il fai da te, diagnostico e terapeutico, peggio ancora reperendo farmaci dal web è pericoloso e dannoso ed oltre a rischi per la salute in generale, il paziente rischia di cronicizzare la sua disfunzione sessuale.
10- L’utilizzo di droghe,sia leggere che pesanti e di alcol, danneggia e compromette la salute in generale e sessuale in particolare, inoltre la loro combinazione con le pillole dell’amore, possono causare importanti complicanze per la salute, oltre il non funzionamento sessuale.