Il bambino nel mondo della fiaba.

Per i bambini e i fanciulli la fiaba, raccontata dai genitori o dai nonni, vista per immagini, letta, è una costruzione letteraria di grande interesse e di notevole portata educativa e formativa, e come tale ineliminabile nella fase di crescita. È un grande evento narrativo carico di elementi figurativi, di fatti e di azioni che somigliano alla vita dei fanciulli, vera o immaginata, pensata o vissuta, reale o fantastica.

La fiaba assolve a diverse funzioni psicologiche e pedagogiche.

I.   pedagogiche

  • La fiaba FA CONOSCERE al bambino tanti eventi fausti ed infausti della vita.
  • Insegna a non fidarsi degli sconosciuti, a riconoscere gli imbroglioni e i malfattori dalle persone oneste e perbene.
  • Insegna che il bene deve prevalere sul male e che tutti noi siamo chiamati a combattere i nostri stati inconsci pieni di brutture, di immoralità e di cattiverie, e sprona i piccoli a seguire condotte corrette, oneste, leali e giuste.

II.     psicologiche e psicoterapeutiche

  • FA VIVERE al soggetto stati d’ansia e d’angoscia. Mette il bambino a contatto con le sue funzioni psicologiche, lo conduce attraverso le impervie strade del bene e del male, gli fa vivere situazioni pericolose e piene di rischi e di probabili rovine, e poi lo avvia verso ascese e redenzioni che portano il soggetto verso la luce, verso l’affermazione di sé e degli aspetti migliori della sua personalità.
  • LA FIABA EVOCA situazioni rassicuranti e felici e permette l’appagamento di desideri nascosti.
  • ESORCIZZA tutti gli elementi violenti, brutti, negativi, ostili della realtà e del mondo che il bambino inizia a conoscere in tutti i suoi aspetti.

La fiaba, inoltre, fa vivere al bambino una VITA EROICA attraverso la proiezione e l’identificazione del proprio Sé con i personaggi eroici, epici, leggendari, coraggiosi e intrepidi del racconto fiabesco.

Infine, la fiaba fa nascere dentro l' anima del bambino elementi simbolici, situazioni governate da miti e da riti iniziatici.

  • IL MITO è un contesto necessario e indispensabile per la vita del fanciullo.
  • IL RITO è un momento del percorso che permette l’acquisizione di stati di grazia, di armonia e di dignità, che sono elementi di splendore della propria anima.
  • IL SIMBOLO è l'elemento fondamentale della vita psichica del soggetto umano.

Tutti tre sono elementi ricorrenti in ogni forma associativa e in ogni espressione sociale dell’esistenza sia individuale che collettiva.

Tutthttp://www.medicitalia.it/minforma/Psicologia/470/La-fantasia-per-far-vivere-il-bambino-in-un-mondo-migliohttp://www.medicitalia