Pratico la mia professione usando il modello della Gestalt,rimango stupeffato di quanta saggezza e quanta creatività l'uomo possiede. Per chi volesse abbiamo istituito un ciclo di incontri per far conoscere il movimento dell'anima.

Ogni movimento di contatto tra sé e il mondo può acquistare significati molteplici: è vincolo e possibilità, è esperienza evolutiva e fonte di disagio.

Di fronte alla sfida che la complessità della nostra società propone, come può l’individuo orientarsi tra le molteplici opportunità?

Con l’intenzione di rispondere a questo interrogativo , l’Istituto di Gestalt HCC Italy propone 4 incontri in cui verranno intervistati docenti della Scuola di Specializzazione che stanno portando avanti una riflessione sull’individuo e la comunità del terzo millennio, secondo la chiave di lettura gestaltica.

Oscillare, sostare, cadere, andare, saranno i temi che faranno da sfondo alle singole interviste.

Partendo dall’esperienza clinica dei docenti e facendo riferimento alle loro riflessioni teoriche, ciascun tema verrà affrontato con uno sguardo sull’individuo alle prese con una società in cambiamento.

Destinatari

Tutti gli interessati, psicologi, medici (neolaureati, in formazione o già inseriti in contesti lavorativi), psichiatri e psicoterapeuti, studenti di psicologia o medicina e altre figure che si occupano di relazioni d'aiuto,ma non solo.



ricchezza.

Carmen Vasquez Bandin

intervistata da Alessia Tedesco

"Due non è il doppio ma il contrario di uno, della sua solitudine. Due è alleanza, filo doppio che non è spezzato" (Erri De Luca)

Oscillare, sostare, cadere, andare

Movimenti creativi tra sé e il mondo

Ogni movimento di contatto tra sé e il mondo può acquistare significati molteplici: è vincolo e possibilità, è esperienza evolutiva e fonte di disagio.

Di fronte alla sfida che la complessità della nostra società propone, come può l’individuo orientarsi tra le molteplici opportunità?

Con l’intenzione di rispondere a questo interrogativo , l’Istituto di Gestalt HCC Italy propone 4 incontri in cui verranno intervistati docenti della Scuola di Specializzazione che stanno portando avanti una riflessione sull’individuo e la comunità del terzo millennio, secondo la chiave di lettura gestaltica.

Oscillare, sostare, cadere, andare, saranno i temi che faranno da sfondo alle singole interviste.

Partendo dall’esperienza clinica dei docenti e facendo riferimento alle loro riflessioni teoriche, ciascun tema verrà affrontato con uno sguardo sull’individuo alle prese con una società in cambiamento.

Destinatari

Tutti gli interessati, psicologi, medici (neolaureati, in formazione o già inseriti in contesti lavorativi), psichiatri e psicoterapeuti, studenti di psicologia o medicina e altre figure che si occupano di relazioni d'aiuto.

Sede

Gli incontri si svolgeranno alle ore 19.30, presso la sede dell'Istituto di Gestalt HCC Italy

Via dei Pellegrini 3 Milano (MM3 Porta Romana)

Venerdì 13 gennaio 2012

OSCILLARE:

Oscillare come muoversi in due direzioni opposte, ma anche come muoversi lentamente da un’estremità all’altra, come tentennare, essere indecisi ma anche dondolare, essere cullati. L’individuo nel movimento di contatto con il mondo come può trovare la propria abilità di stare nell’inafferrabile equilibrio del momento e di sperimentare l’incertezza della momentanea verità della relazione?

Margherita Spagnuolo Lobb

intervistata da Silvia Tosi

Venerdì 9 marzo 2012

SOSTARE

Sostare come fermarsi, ma anche come, sapere stare, attendere. Il sostare implica il senso del tempo, del contatto tra sè e il mondo e del confine. Nella sosta, in quel preciso momento, un io e un tu si incontrano, si rivelano. Incontrarsi oggi, in questa società in cambiamento, può essere occasione di crescita e nutrimento?

Pietro Cavaleri

intervistato da Roberta La Rosa

Iscrizione gratuita obbligatoria

tramite il sito www.gestalt.it

 

Sede

Gli incontri si svolgeranno alle ore 19.30, presso la sede dell'Istituto di Gestalt HCC Italy

Via dei Pellegrini 3 Milano (MM3 Porta Romana)