Da cosa derivano i disturbi e i disagi psicologici? Lo psicoanalista austriaco Wilhelm Reich dice che la causa è l'incapacità di amare in modo sano e gioioso.

fabrizio.mardegan_amare_in_modo_sano

"I disturbi/disagi psicologici derivano da degli impedimenti alla naturale capacità di amare". Questa è una frase dello psicoanalista austriaco Wilhelm Reich che a mio modo di vedere racchiude l'essenza della psicologia. Il non essere stati amati in modo sano ed equilibrato è alla base della formazione dei disagi psicologici e c'è da dire che questo è un circolo vizioso che si tramanda nelle generazioni. Reich dice inoltre che "Il requisito essenziale per superare i disagi psicologici è il ripristino della naturale capacità di amare".

Ripetiamo l'amore che abbiamo vissuto in famiglia, anche le componenti disfunzionali dello stesso. Siamo portati inconsciamente a voler provare quelle stesse emozioni perchè quello è il modo nel quale abbiamo imparato ad amare e vissuto l'amore negli anni più importanti dello sviluppo fisico e psicologico.

 

L'autostima ferita

E quello è il periodo nel quale si è formata la nostra autostima e concezione di se stessi che si porterà con sè in età adulta. In quale modo viene ferita l'autostima? Quali sono gli ostacoli alla formazione di una personalità forte e sicura di sè?

 

La condanna della sessualità

Reich sottolinea come la vergogna e la condanna della sessualità sia alla base dell'incapacità di amare e della formazione dei disagi. La sessualità è l'istinto naturale che da energia. Questa energia, dice Reich, dopo la pubertà è diffusa non solo nell'area dei genitali ma in tutto il corpo. La sua condanna, repressione, la vergogna sulla stessa passa il messaggio che una parte fondamentale di se stessi sia sbagliata.

E questo causa angoscia e un sentimento di stress costante che deteriora l'autostima in quanto si impara ad avere paura delle proprie sane pulsioni e istinti vitali. Questa repressione e condanna dell'istinto di vita provoca, sottolinea Reich, la paura della vita. E, come dice Freud, la repressione della sessualità e la paura della vita fa si che l'organismo sia agitato e il pensiero si "attacchi" ad idee e paure irrazionali. E alla formazione di sentimenti di gelosia eccessiva, invidia e di un ego sottomesso o "grandioso" in maniera illusoria e per coprire i sentimenti di inferiorità.

E sono poi questi sentimenti di gelosia eccessiva, invidia, di un ego sottomesso o falsamente grandioso che causano l'incapacità di amare in modo sano che causa a sua volta infelicità e che si trasmette poi ai propri figli nelle generazioni.

La condanna e la vergogna sulla sessualità rende deboli e sottomessi ed è l'aspetto sul quale fanno leva famiglia autoritaria e le corporazioni per mantenere le persone sottomesse alla loro autorità.

Spesso si pensa che questo aspetto non sia più un problema nella società moderna ma questo è errato. In realtà non è l'atto sessuale in sè che viene condannato ma la concezione che si ha su quanto sia un argomento del quale si può parlare senza vergogna ed imbarazzi. E spesso il non detto, ossia il non parlarne, è l'indicatore principale della concezione negativa e della paura che c'è nei confronti dell'argomento.

 

Gli indigeni "felici"

Reich a questo proposito osservò come in una tribù indigena di persone che vivono allo stato brado ma con una sessualità libera, i componenti del gruppo non presentino segni di nevrosi e che perversioni e crimini sessuali siano praticamente inesistenti.
In pratica vivendo appunto nella povertà queste persone sono più felici delle persone nevrotiche e stressate dell'occidente che pure hanno condizioni di vita migliori.

 

Ma non solo sessualità

Oltre alle concezioni sbagliate sull'amore e sui rapporti e alla vergogna e repressione sulla sessualità ci sono a mio parere almeno altri due aspetti che sono fondamentali nella formazione della personalità e dell'autostima in età adulta.

 

L'angoscia sul denaro

La prima è la concezione che si è avuta e che è stata passata sul denaro. Se si è vissuti in un'atmosfera di scarsità, di "non c'è abbastanza", di "si può guadagnare solo con grande fatica", di "il denaro è la fonte di tutti i mali" di "i ricchi sono avidi e corrotti", si porterà con sè in età adulta queste concezioni e angoscia nell'affermare se stessi anche economicamente.

 

L'angoscia di morte

Un altro aspetto che causa angoscia e che blocca in età adulta è l'angoscia per la propria salute e la paura che possa capitare qualcosa che mini il proprio stato fisico. E' l'angoscia di morte che è un altro degli argomenti tabu per eccellenza. Quando in famiglia c'è una forte paura dell'abbandono a causa di lutti non elaborati verranno passati in modo troppo apprensivo messaggi (che in se per se sono giusti) come "stai attento ai pericoli" "guida piano" "stai attento ai virus e alle malattie" e tutta una serie di atteggiamenti del non verbale che comunicano angoscia e paura sulla salute fisica e che si porteranno in età adulta sviluppando a propria volta paure ed insicurezze.

Un primo passo che puoi fare per capire come superare queste angosce e avere una vita più serena e soddisfacente è leggere il report gratuito che ho scritto "Trovare la Serenità" cliccando quì