E' normale avere delle fantasie “perverse” durante il rapporto sessuale?

Una domanda frequentemente presente durante la mia pratica clinica, riguarda il mondo dell’immaginario e dei suoi possibili contenuti .
Mi viene chiesto  se, avere delle fantasie perverse, durante un rapporto sessuale  è sano, normale, nocivo o perverso. All’interno di un rapporto di coppia,  nel rispetto dei desideri, limiti e stili di sessualità di entrambi i protagonisti della coppia, non vi è nulla di lecito o di immorale, così come l’andare altrove con l’immaginario erotico.
La fantasia, rappresenta una preziosa risorsa immaginativa , coltivata individualmente o all’interno della coppia, produce la spezia  per l’erotismo e, regala la capacità di andare ovunque.
Sarebbe opportuno, all’interno di una scrupolosa anamnesi psico-sessuologica,comprendere se l’utilizzo dell’immaginario o dello scenario fantasmatico, diventa  "indispensabile" ai fini di una buona intimità e risposta orgasmica e, se invece nasconde dei rituali ossessivi.
All’interno del  “palcoscenico emozionale” che le coppie strutturano di volta in volta, l’andare altrove con l’immaginazione ai fini di un’amplificazione del piacere sessuale, non rappresenta la concretizzazione di un possibile tradimento, ma la possibilità di sperimentare sensazioni ad alta gradazione erotica, senza la remota possibilità che queste diventino realtà.
Una coppia con un buon livello di sintonia ed empatia sessuale, può condividere lo scenario fantasmatico, arricchirlo con un processo di condivisione sotto le lenzuola e, giocare con lui, collocando la sessualità nella stanza dei giochi!