Mi capita spesso di custodire dolorose confessioni di donne insoddisfatte sessualmente per l'eiaculazione precoce di loro compagni, lamentano infatti rapporti frettolosi, inappaganti, che lasciano sempre un retrogusto amaro, sia nella donna che nella coppia.

Durante l'indagine psico-sessuologica emerge quasi sempre che queste donne, così insoddisfatte sessualemnte, hanno la tendenza a dare la colpa delle loro insoddisfazioni sotto le lenzuola ai loro compagni ed ai tempi eiaculatori così brevi, diventando talvolta aggressive e talvolta punitive, atteggiamenti che, tra l'altro, tendono a rinforzare la disfunzione sessuale maschile.

Molto spesso l'anorgasmia femminile ha radici antiche e non è sempre correlata a coiti veloci e liquidatori, ma a difficoltà psicologiche, inconscie e relazionali che abitano la donna da tempo e con altri partners.

Investigare le possibili cause individuali e di coppia che concorrono a mantenere immodificata sia l'eiaculazione precoce che la anorgasmia, mantenendo il talamo sofferente ed inappagante, ed insegnare alla coppia strategie adattive, sia comunicazionali, sia comportamnetali che sessuali, è uno dei primi tasselli della terapia di coppia.

Insegnare alla coppia nuove, più funzionali ed appaganti starategie sessauli ed emozionali, extra coito, rappresenta una conquista terapautica al fine di restituire alla coppia una buona salute sessuale ed emozionale.