All'ennesino lavoro scientifico che mostra una non sicura effacia degli estratti da Serenoa Repens, conosciuta anche come Saw Palmetto, Palmetta della Florida o Palmetta Repentina, che sono largamente impiegati nel trattamento dell'ipertrofia prostatica benigna, voglio qui chiedere ai nostri lettori ed anche ai nostri colleghi urologi ed andrologi le loro impressioni cliniche al riguardo.

Io non ho ancora raggiunto su queste strategie terapeutiche una mia opinione finale e sicura.

L'ultimo studio presentato su questo prodotto comunque sembra suggerire che in realtà l'estratto di questa palma dell'America del sud-est non funzioni meglio di un normale placebo; bisogna anche per onestà dire che esistono invece diversi e anche storici lavori in cui si dimostra come questi prodotti funzionano sui sintomi come i più canonici e "scientifici" prodotti di sintesi, ad esempio gli alfa-litici, come la Tamsulosina.

Anche la Clinical Evidence colloca, soprattutto questo prodotto estrattivo, tra i trattamenti definiti utili per la terapia dell'IPB, appunto insieme con gli alfalitici e gli inibitori della 5-alfareduttasi.

La discussione è aperta.

Sull'ipertrofia prostatica benigna rimando anche al link:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/383-prostata-aumenta-volume-ipertrofia-prostatica-benigna.html