Utente 250XXX
cari medici innanzi tutto veramente complimenti per questo servizio utile.
premetto che ho gia chiesto altri consulti per quanto riguarda prblemi di ipertensione dovuta all'ansia. arriviamo al dunque. ho 40anni nn bevo nn fumo e sono in cura cn mezza pastiglia di lobivon, e una di daparox(paroxetina) da un annetto. (lo xanax lo psichiatra mel'ha fatto interrompere a giugno visto i miglioramenti). Effettivamente nn posso lamentarmi, la pressione si è normalizzata e nn ho più questi sbalzi con tachicardia. ieri però ho pranzato con un piatto di pasta, sugo di pomodoro e mozzarella. a circa un ora ho iniziato a sentirmi stordito, pressione alta (155-100) 110 tachicardia..sensazione di svenimento, nausea. il tutto è durato un ora ma mi ha scombussolato tutta a giornata, sbalzi pressori, nausea continua, senso di vuoto allo stomaco, debolezza. mi chiedo se può essere stato dovuto a una indigestione o solo attacco di panico o una crisi ipertensiva. l'altra mattina in farmacia la pressione era 133-81 85pulsazioni. nn capisco cosa può essere accaduto.grazie e distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente
155/100 in un soggetto giovane, senza precedenti cardiologici di rilievo (ad eccezione naturalmente dell'ipertensione arteriosa) è un valore troppo basso per potersi definire crisi ipertensiva e soprattutto per scatenare i sintomi da lei segnalati.
Ritengo comunque utili dei copntrolli seriati della pressione per valutare, in accordo con il suo curante, un eventuale potenziamento della terapia ipotensiva, se i valori pressori dovessero essere persistentemente anomali.
A disposizione per ulteriori consulti