Utente 265XXX
Buongiorno,

ho letto diversi quesiti per problemi del tutto simili al mio caso e cioè giovane età, difficoltà nell'erezione in una situazione clinicamente normale ovverossia niente traumi, niente abuso di alcool o di droghe, niente malattie o assunzione di farmaci particolari e la risposta mi pare essere sempre più o meno la medesima: meglio approfondire con visita andrologica ma con ogni probabilità il problema ha pura causa psicologica. Dal che la classica risposta che si da è : "ma che causa psicologica,io non mi sento di avere alcun problema in tal senso!!" ; ma mi rendo conto che se la psiche fosse tanto semplice da governare, gli psicologi non esisterebbero!!!!
Io sinceramente ritengo che dovrò affrontare il mio problema proprio da questo punto di vista, a fronte anche di un NPT TEST dall'esito normale (anche se ho un dubbio: la rigidità del glande durante i fenomeni erettivi era minore rispetto a quella della base e in due occasioni lo stesso non si è irrigidito mentre la base si) che mi pare di aver capito essere scriminante ma i miei quesiti sono:

al di la dell'NPT test io da diversi mesi, da prima di avere problemi erettivi, non ho erezioni al mattino. Ora ho letto dalle risposte ai quesiti che di norma non è sintomo di problemi organici, ma com'è come non è la maggior parte di ragazzi che hanno un decifit dell'erezione presentano anche questo disturbo insomma...un pò di tempo fa al mattino mi svegliavo e per 5 minuti e più avevo il pene in completa rigidità e ora nessun segno di vita,davvero non vuol dire niente?

Per tappare i buchi in attesa di decidere sul da farsi, ho fatto ricorso (su consiglio del mio medico e dietro sua prescrizione) a Viagra e Cialis ma con risultati sinceramente non ottimali, soprattutto il Viagra con 50 mg è quasi un arrampicarsi sugli specchi

Inoltre, e di questa coincidenza sono più che certo, qualche settimana fa ho iniziato a sentire un leggero fastidio, un leggero solletico che non riesco a localizzare bene, comunuqe sul glande, e che si presenta di tanto in tanto durante la giornata. Da quando lo sento oltretutto, vasodilatatori o no, masturbazione o rapposrto sessuale, soffro di eiaculazione precoce al primo (ma solo al primo) rapporto.Sottolineo che anche se mi masturbo si manifesta la medesima situazione. Coincidenza o sintomo di qualcosa?
Dall'alto della vostra esperienza e cortesia, al di la del "sarebbe meglio un consulto andrologico di approfondimento" il che è evidente, ritenete che debba affidarmi nelle mani di uno psicologo ed affrontare con lui questo problema o avete il sentore, alla luce anche dei pazienti che in passato avete avuto, possa esserci qualcosa di fisico?

Ringrazio già ora per la vostra Disponibilità

Marco

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile Marco,

sarebbe importante avere dati più precisi riguardo all'NPT test: che percentuale di rigidità alla base e all'apice del pene, e che durata sono state registrate per gli eventi erettili MIGLIORI? Inoltre: quante notti di registrazione ha fatto?

Basandosi esclusivamente sulla sintomatologia che ci descrive, e cioè:
- esordio da alcuni mesi con prima periodo di benessere,
- assenza di erezioni al risveglio,
- Viagra e Cialis scarsamente efficaci
- fastidio occasionale al glande
- eiaculazione precoce
possono essere spiegati sia da fattori psicologici che da ipertono di strutture del pavimento pelvico, sostenuto ad esempio da: ragade anale, prostatite, prostatodinia, nevralgia del funicolo, calcolosi prostatica in fase sintomatica, etc, etc, etc.

Per questi motivi le consiglio che in prima battuta "sarebbe indicato un consulto andrologico di approfondimento", che poi potrebbe anche esitare nel suggerimento a valutazione psicosessuologica.

Cordialmente,

Edoardo Pescatori
[#2] dopo  
Utente 265XXX

Iscritto dal 2007
q
[#3] dopo  
Utente 265XXX

Iscritto dal 2007
Ringraziandola per la risposta le comunico quanto all'andamento dell NPT Test; ho effettuato due notti di registrazione, i risultati dicono: ima notte 3 fenomeni erettivi nelle ultime 2 ore di sonno su un arco di 8 ore, 40 25 30 minuti con percentuali di rigidità del 80 70 55; seconda notte 5 fenomeni ripartiti regolarmente nell'arco della notte 40 40 40 50 20 minuti con rigidità del 60 70 60 80 80.
[#4] dopo  
Utente 265XXX

Iscritto dal 2007
Ora, chiaramente la capacità di leggere un NPT Test non fa parte delle mie competenze ma armato di righello le dico che le percentuali prima citate non si riferiscono alla media della rigidità bensì alla punta della stessa durante il fenomeno erettivo della SOLA BASE ( p.e. il terzo fenomeno della prima notte, segnalato nella relazione come di 30 ,min al 55% in realtà tocca solo per un attimo tale punta, dovessi fare una media direi che si attesta al 20% e sempre solo alla base).
In riferimento alla rigidità del glande durante i 3 fenomeni della prima notte si presenta in tutte le occasioni con una media direi sul 50% di rigidità mentre nei 5 fenomeni erettivi della seconda notte segnalati sulla relazione , in due degli stessi (primo e terzo) il glande non si irrigidisce PER NULLA mentre negli altri tre si, nell'ultimo con percentuale molto alta (80-85), negli altri meno (direi 60 e 20, sempre in media).
[#5] dopo  
Utente 265XXX

Iscritto dal 2007
Inoltre la stessa registrazione delle erezioni è altalanante diversi fenomeni durano solo qualche minuto per poi cadere e ripresentarsi qualche minuto dopo salvo considerarli unitariamente e anche la stessa durata ddegli stessi è stata presa un pò alla larga, considerando ricompresi anche minuti in cui la rigidità era essenzialmente nulla.
Il dottore dell'ospedale in verità aveva dato un occhio alle certe, ma giusto un occhio di 30 secondi in corridoio......mah!
Questo per quanto riguarda l'NPT, per quanto riguarda quel fastidio al glande cui facevo riferimento la situazione è mutata...da solletico a vero e proprio dolore alla bese del glande e bruciore alla punta del pene e oggi, mentre mi accingevo ad urinare, ho sentito uno strano odore arrivare dal pene a avevo sul glande un liquido simile allo sperma, ma più trasparente. Ho già contatto il mio medico di fiducia, nei prossimi giorni valuteremo il da farsi. Voi cosa direste comunuqe? Possibile prostatite?
Ringrazio per la Vs cortesia