Utente 585XXX
Ho sentito da qualche parte che nella normale rigenerazione delle cellule dei tessuti nascono sempre cellule geneticamente mutate e quindi potenzialmente tumorali ma vengono distrutte dal sistema immunitario.
Se stanno così le cose si deve concludere che una persona con un sistema immunitario efficiente è meno esposta a tumori di una immunodepressa.
E se questo è vero, allora quando una persona è esposta per una qualsiasi motivo a radiazioni ionizzanti significative, potenzialmente cancerogene, farebbe bene a rinforzare il sistema immunitario.
E' corretto? E cosa si può fare per tenere in efficienza il sistema immunitario?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Appunto, con cosa lo "rafforziamo" il sistema immunitario? Non e' mica un muscolo, in cui l'uso sviluppa l'organo.

E' un sistema complesso in cui teoricamente per ogni antigene c'e' una dinamica di risposta individuale per quell'antigene (produzione di anticorpi o di linfociti T).

la risposta e' che non e' possibile intervenire su sistemi complessi con interventi semplici.

Molti immunostimolanti del commercio sono banali lisati di batteri innocui. L'organismo produce anticorpi contro di loro, il dosaggio delle IgG aumenta ed ecco, "gli anticorpi sono saliti". peccato che sono aumentati degli anticorpi inutili. poi ci sono le citokine ma non sono giocattoli.

Domanda, ma lei perche' dovrebbe esporsi a radiazioni ionizzanti significative?



[#2] dopo  
Utente 585XXX

Iscritto dal 2005
Recentenetemente ho fatto una coronarografia. L'esame dura 2 minuti (mantendoci stretti ma in realtà dura di più) durante i quali per poter girare le riprese vengono fatte 25 lastre al secondo. 25*120=3.000 radiografie. Sono significative?
Ma al di là di questo, siccome i tumori vengono comunque, mi sembra interessante parlarne.
Secondo il mio pediatra l'efficacia del Pidotimod sarbbe stato scientificamente accertata.
Un'altra strada può essere stimolare la cellula ad "riparare" le mutazioni al momento della riproduzione. Sembra che l'acido folico svolga questa funzione ma penso che normalmente se ne prenda a sufficienza.