Utente 855XXX
salve sono V.T di anni 42,nel mese di Aprile di quest'anno in seguito ad un errata polipectomia nel sigma fatta per colonscopia ho avuto una perforazione di conseguenza tre giorni dopo sono stato operato d'urgenza(diagnosi del pronto soccorso:addome acuto perforativo)e quindi ho subito una resezione del sigma -retto secondo Hartmann in laparotomia con conseguente perdita del sigma(avendo mangiato c'era gia'una peritonite con rischio di setticemia)e confezionamento di una colonstomia che ho tenuto per cinque mesi e mezzo.Il 25 Settembre scorso sono stato ricanalizzato ho subito un ulteriore resezione del moncone dove c'era la stomia poiche' era infiammato e vi era anche un diverticolo,poi hanno anche diagnosticato una periviscerite.Canalizzato a feci e gas dal quarto giorno post-operatorio all'0ttavo giorno sono stato dimesso dicendomi che pian piano in modo graduale potevo iniziare a mangiare qualcosa altro oltre pastina e mele cotte evitando per i primi 15 gg. latticini e verdure filamentose.Dal quel giorno vado spesso in bagno in media ogni ora e mezza/due ore e si alternano scariche di diarrea a feci dure(sto evitando anche cibi e bevande irritanti e fritture);al controllo i medici che mi hanno operato hanno detto che sono disturbi transitori e dureranno per un po'.Sara' realmente cosi o mi rimarranno delle conseguenze tipo quelle che ho indicato?Chiedo ulteriori charimenti a riguardo e ringrazio anticipatamente.Distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signore
ogni resezione intestinale comporta una riduzione della lunghezza dell'intestino con conseguente alterazione della superficie di assorbimento. Inoltre una terapia antibiotica prolungata altera la flora batterica, normalmente presente ed indispensabile per una corretta fase digestiva.
Queste alterazioni, come già le è stato giustamente detto dai colleghi che l'hanno operata, in genere regrediscono con il tempo, poichè l'organismo si adatta a questa nuova situazione e tende a compensarla autonomamente.
Sicuramente l'attività fisica e la dieta adottata agevoleranno la ripresa ottimale, con l'introduzione di pochi alimenti per volta, in modo tale da individuare eventuali cibi che le dovessero dare fastidio.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 855XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio molto per la sua risposta esauriente.Saluti.