Utente 132XXX
Buongiorno,
sono una ragazza di 27 anni, da quando ero piccola mi capita, talvolta, di sentire un fastidio al cuore: è come se qualcosa mi passasse vicino al cuore e poi avverto dei battiti in più; questa è la descrizione che molti anni fa feci al mio medico di base che mi disse che si trattava di extrasistole, che non dovevo preoccuparmi dato che erano saltuarie e che i miei elettrocardiogrammi erano sempre stati normali, mi disse che probabilmente erano dovute allo stress o all'ansia e di starmene tranquilla. Da allora ho fatto altri elettrocardiogrammi, risultati sempre normali e le extrasistole si sono sempre presentate saltuariamente, solo che negli ultimi tempi mi è capitato che i battiti in eccesso fossero di più del solito, direi poco meno di dieci consecutivi, insomma le extrasistole sono diventate più lunghe; poco fa ad esempio le ho avute per 5/6 secondi poi una pausa di 2/3 secondi poi altri 6 secondi circa di extrasistolee poi un'altra pausa di qualche minuto e poi una nuova scarica e così per una decina di minuti in tutto pause comprese. Vorrei sapere se sono pericolose e quali sono le conseguenze più gravi in un soggetto che come me non beve non fuma nè ha malattie cardiache. Grazie e buona giornata!
ps: il sonno molto poco regolare ha un ruolo?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
indubbiamente qualsiasi stress fisico o emotivo è fattore facilitante l'insorgenza delle extrasistoli, la cui natura è valutabile non solo in base alla sintomatologia, in base alla quale sembrerebbero del tutto benigne, ma anche attraverso esami strumentali, come un Holter ECG, e clinici come una valutazione della funzione tiroidea.
Ne parli con il curante di tali opzioni.
Saluti