Utente 132XXX
Buongiorno, al mio compagno (40 anni, buona salute) capita di avvertire, da qualche mese, formicolio alle dita delle mani (anulare e mignolo), a volte nella mano dx altre volte nella sx (prevalentemente a dx) e, raramente, formicolio anche alle dita dei piedi. Dura anche giorni interni e non passa cambiando posizione durante la notte. Cosa ci consiglia di fare?
Inoltre, può questo rappresentare un campanello di allarme se si considera che il padre è deceduto a 50 anni per aneurisma cerebrale?
Non so se può essere di aiuto quest'altra informazione: qualche anno fa è stato tenuto in osservazione un giorno al prontosoccorso per un attacco di ansia, presentava tachicardia, sudorazione fredda, respiro affannoso, tremori in tutto il corpo e dolori al petto (episodio risolto con l'assunzione di gocce di calmanti) grazie
[#1] dopo  
Dr. Rosario Vecchio
48% attività +48
4 attualità +4
20 socialità +20
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

l'ansia può spiegare molte manifestazioni, ma non può essere a priori imputata come causa di tutti i disturbi. In questo caso credo che una visita neurologica sia utile.

Cordialità
[#2] dopo  
132165

dal 2011
Grazie della celere risposta. Sicuramente faremo la visita neurologica. Chiedo ancora se, data la storia famigliare, questo disturbo potrebbe rappresentare un segnale. grazie
[#3] dopo  
Dr. Rosario Vecchio
48% attività +48
4 attualità +4
20 socialità +20
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Cara Signora,

gli aneurismi cerebrali non sono per fortuna ereditari

Cordiali saluti