Utente 134XXX
Salve e grazie in anticipo per la vostra gentile disponibilità. Ho un quesito abbastanza particolare da porre e su cui spero riusciate a darmi qualche chiarimento.
Il mio compagno faceva uso di sostanze stupefacenti (hascisc e marijuana) da una quindicina di anni. Nel mese di aprile del corrente anno è stato fermato ad un posto di blocco e essendo stato trovato in possesso di diversi grammi di hascisc, da settembre si presenta una volta a settimana per le analisi delle urine. Ora, fin dalle prime analisi non sono più state trovate tracce di queste droghe, in quanto lui smise immediatamente dopo l'episodio, ma, in compenso, vi è stato trovato del METADONE. E sebbene lui affermi di nn averne mai fatto uso, la positività al metadone è stata riscontrata dopo OGNI analisi effettuata fino ad oggi (in tutto 4 o 5).
Ciò che vorrei capire è, innanzitutto, se è davvero possibile che questo "falsi positivi" come li definisce lui siano davvero tali, trattandosi di risultati continui da un mese e mezzo a questa parte. E, nel caso non fosse così, è possibile che abbia assunto metadone "inconsapevolmente"? Lui è evidentemente sotto pressione per il fatto di aver smesso con le "canne", ma nega fermamente di aver mai assunto metadone. In passato ha fatto anche uso di cocaina, ma ha smesso da più di due anni (a quanto dice). Inoltre, è affetto da "sindrome di steven johnson" per cui non prende assolutamente farmaci, se non il Morniflu, che assume ogni qual volta abbia dolori generici (mal di testa, mal di denti, ecc.) o febbre, e il Dicloreum, di cui fa uso saltuariamente per via di una tendinite.
Spero mi possiate aiutare a capirne un po' di più. Grazie ancora infinitamente.
Distinti saluti.
[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile utente
non credo proprio al falso positivo, se campioni di urine ripetuti presentano valori superiori ai valori di riferimento significa che sta assumendo metadone
[#2] dopo  
Dr. Matteo Pacini
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Il metadone dura circa una settimana nelle urine dall'ultima assunzione. E' un farmaco che si utilizza su prescrizione, ma tavolta anche illegalmente. Pero' inconsapevolmente mi pare bizzarro, capita che alle sostanze tipo marijuana talvolta sia aggiunta eroina in piccole dosi, ma sarebbe strana la contaminazione con metadone, visto che trattasi di sostanza piu' potente e soprattutto non utile a scopo ricreativo.

C'e' la possibilita' che alcune sostanze diano risultati falsamente positivi. Ogni tanto ne segnalano qualcuna, per esempio:
http://www.clinchem.org/cgi/content/full/51/11/2176

Per chiarire se e' o non e' metadone assunto dalla persona ci puo' essere un test che misura sia metadone che un metabolita del metadone, l'EDDP. Quest'ultimo c'e' perche' e' prodotto nell'organismo a partire dal metadone, quindi se non c'e' metadone perche' il test dosa qualcos'altro, non dovrebbe trovare EDDP.
Si usa quando si sospetta che qualcuno aggiunta metadone direttamente alle urine, in quel caso per far diventare apposta positivo il risultato, questo ovviamente e' un caso diverso ma il concetto e' lo stesso.

Ovviamente, parto dal presupposto che la persona le dica la verita', ovvero che non sia in trattamento ne' lo assuma in altro modo.