Utente 134XXX
gentilissimi medici, premetto: sono un ragazzo di 32 anni mi trovo lontano dall'italia sono in all'estero per lavoro, ho avuto un rapporto ,senza precauzione, qualche giorno fà, ma non era la prima volta con lei, ed ora mi ritrovo da ieri a combattere con un liquido biaco che mi esce dal pene, ma con poca intensità, a goccia e raraente durante la giornata, ho il prepuzio, ovvero la pelle che ricopre il glande arrossata, mi prude leggermente ma non tanto e non sempre, quando faccio la pipì mi brucia in "uscita" ma poco, ho paura che sia un infezione magari non data dal rapporto poichè non era la prima volta con lei e da 2 settimane che abbiamo rapporti, penso anche che sia data da qualche fattore esterno tipo dalle mani non lavate bene, premetto che faccio un lavoro dove sto a contatto con molta gente, non so che fare, i medici qua non esistono, li chiamano ecologisti... vi prego non so proprio che fare se prendere qualche antibiotico o che pomata, ma non saprei ne cosa ho di preciso ne che componenti devono avere le medicine visto che medicine italiane neanche l'ombra.
mi scuso per il mio modo molto diretto ma davvero ho bisogno di un consulto per capire come muovermi.

vi ringrazio anticipatamente della risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
capisco le sue difficoltà ma da qua è impossibile fare una diagnosi e tantomeno una terapia. Comunque quello sembra una infiammazione dell uretra. Veda se le è possibile contattare un collega: basta un generico.
[#2] dopo  
Utente 134XXX

Iscritto dal 2009
dott Cavallini la ringazio per la tempestiva risposta, ma mi creda onestamente io non mi fido, questa infiammazione può essere data dal fatto che in questo periodo ho bevuto poco?... oppure da che fattore? questo per prevenire cosa mi consiglia!

grazie ancora per la pazienza