Utente 134XXX
Salve Dottore, sono un ragazzo di 30 anni che si è sottoposto ad una colonoscopia il 10 ottobre, nel momento dell'anestesia locale l'infermiera non riusciva a trovare su entrambe le braccia la vena, ha preferito optare per quella della mano sinistra. Appena rientrato a casa la vena della mano partendo dal polso a salire si è gonfiata, ho pensato fosse una semplice infiammazione ho usato essaven gel ma ora sono passati ben 20 giorni è il probelma persiste la vena è gonfia e dura, sopraelevata. Il medico mi ha detto che è una forma di trombosi e mi ha consigliato di usare HIRUDOID.
Volevo chiederle questo gonfiore da cosa è dipeso, cosa mi consiglia di usare e se riesco a risolverlo.
Spero di avere al piu presto una risposta.
Grazie.
Cordiali Saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
gentile utente,

è possibile che quello che lei racconta possa essere rappresentato da una tromboflebite di una vena superficiale dell'arto superiore sinistro.

come lei sa esiste un grosso limite nelle consulenze a distanza. il limite è determinato dalla impossibilità di poter visitare il soggetto.

non mi sembra che lei abbia mai fatto menzione al dolore locale.
il fatto che lei si sia rivolto al suo medico che a differenza nostra, ha avuto modo di poterla visitare ed abbia confermato il suo sospetto è apprezabile.

il trattamento intrapreso mediante creme a base di eparinoidi è condiviso.

bisogna solo aver pazienza e soprattutto costanza che si riduca l'infiammazione e riprenda il corretto flusso.

mi tenga informato

cordiali saluti