Utente 136XXX
Salve, ho letto molte vostre risposte e argomentazioni in merito all'argomento in oggetto, ma vorrei esporre comunque il mio "caso".
Sono un ragazzo di 27 anni, studente in piena stesura di tesi e dunque abbastanza stressato. Sono anche un tipo ansioso. Quest'estate senza particolari situazioni ho rilevato rari episodi di extrasistole, al massimo una due al giorno e non tutti i giorni. Per precauzione ho eseguito una visita cardiologica con eco-cardiogramma, eco-cuore e mi sembra anche con esame eco-dopler. Risultato: la dotteressa dice che il cuore è sano, tutto a posto, dice di aver rilevato comunque un'extrasistola, confermando le mie sensazioni, rassicurandomi però in quanto cose del tutto normali e innocue. Attualmente (ultimi giorni) avverto il fenomeno in maniera più frequente, anche 3,4 o 5 volte al giorno e in giorni ravvicinati; qualche volta,anche indipendentemente dalle extrasistole, avverto una leggera sensazione di rigurgito alla gola. Inoltre capita durante il giorno di essere in stato ansioso, almeno credo, perchè ho sensazioni di agitazione quasi di tachicardia anche se non rilevo oggettivamente battito accelerato!
Vorrei quindi alcuni chiarimenti in merito ai miei episodi di extrasistole, e un parere circa la necessità di altri esami o visite.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
viste le sue premesse, di ansia e di stress, il rilievo di una lieve extrasistolia rientra tutto sommato nella norma, il ripristino di una condizione di vita tranquilla ridurrà sicuramente tali anomalie.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 136XXX

Iscritto dal 2009
Gentile dottore,
la ringrazio subito per la risposta chiara e tempestiva.
In merito al mio quesito avrei piacere di sapere se risulta comunque nella norma il fatto che le extrasistolie in alcuni giorni si presentino con più frequenza, mentre in altri siano rare o impercettibili; la percezione di questi eventi è legata alla sensibilità della persona e quindi può accadere che a volte essi non vengano rilevati, oppure quando si mainfestano sono necessariamente avvertiti?
Per concludere volevo se possibile un'ulteriore chiarimento; ho sentito parlare spesso dell'esame Holter, mi può spiegare in cosa consiste e quando viene effettuato, e se nel mio caso risulta una strada diagnositca da doversi percorrere, magari in futuro?
Grazie ancora per la disponiobilità accordata.