Utente 120XXX
salve
avevo scritto tempo fa a proposito dell'aumento dela dose di cordarone che aveva (probabilmente) provocato disturbi cardiaci da ipertiroidismo; dopo 1 mese ho fatto l'analisi della tiroide e la tiroxina era ancora su (anche se di poco, ma da circa un mese non assumevo amiodarone) adesso sono 2 mesi che non assumo amiodarone e dopo che i sintomi erano più o meno tutti passati ora mi ritornano abbondanti extrasistoli, palpitazioni. fermo restando che a breve farò le analisi, può essere il fatto che l'amiodarone stia diminuendo in circolo e ci sia mgari un effetto rebound?
m.p. grazie tante

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
la sospensione dell'amiodarone può comportare effettivamente la ricomparsa di extrasistolia, per cui è necessario procedere ad una valutazione del ritmo mediante un Holter ECG e rivalutare ovviamente la terapia anti-aritmica.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 120XXX

Iscritto dal 2009
Grazie per la tempestiva risposta; oggi sono stato dal cardiologo, che non ritiene sia in atto un aggravamento della cardiomiopatia; secondo lui, è la tiroide ancora ad essere iperfunzionante; comunque sono preoccupato, possibile che la tiroide dia questo sintomo continuo (battito metallico, cardiopalmo) Secondo lei è possibile che sia in atto ancora dopo 2 mesi l'ipertiroidismo?
ovviamente farò presto l'analisi.
grazie
mp