Utente 139XXX
salve,
forse avrete già risposto alla domanda ma vorrei avere delle delucitazioni in merito ad un forse problema che ho riscontrato durante glli ultimi 2 mesi , noto che a pene moscio ed eretto c'è un aumento di nervi che al tatto non fanno male ma prima non avevo forse avendo 30 anni c'è in atto un cambiamento del membro? anche la mia ragazza che massaggia la parte ha notato quest'aumento di nervi e soprattutto la parte superiore del glande ed il tronco sotto il glande è diventato piu' tozzo.
garzie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,

questo aumento di "nervi e vene" nella parte superiore del glande ed del tronco sotto il glande" è strano ed non è un dato clinico facilmente comprensibile da questa postazione e senza una valutazione clinica diretta e reale.

Detto questo si ricordi che quadri clinici particolari come il suo non possono essere affrontati e tanto meno capiti e risolti tramite una semplice e-mail e richiedono sempre una attenta valutazione clinica ad personam.

A questo punto consulti il suo medico di famiglia che, esaminato in prima istanza il suo problema, potrà eventualmente indirizzarla successivamente verso una più mirata valutazione specialistica andrologica.

Un cordiale saluto.

[#2] dopo  
Utente 139XXX

Iscritto dal 2009
Egr. dottore,

la ringrazio dela sua risposta ,ma forse non sonostato chiaro nella compilazione della domanda.
il mio glane è normale è non ha ne vene e ne nervi. ma lungo il tronco oltre a quelli che normalmente esistono , quelli noto un accentuazione e si vedono in maniera evidente.
la ringrazio comunque

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

da quello che puntualizza è sempre richiesta una valutazione specialistica in diretta e, vista anche la sua "giovane" età, approfitti di questi "disturbi-malesseri" e non sicurezze, per conoscere finalmente, se non ancora fatto, il suo andrologo di fiducia.

Impari dalle sue compagne e dalle donne che la circondano che sicuramente, alla sua età, già conoscono il loro o la loro ginecologa.

Un cordiale saluto.