Utente 143XXX
Buongiorno,
ho più di 65 anni e soffro da parecchi anni di FA . nell'ultimo mese ho avuto 8 episodi di durata max 8 ore, a volte ho avuto necessità di recarmi in Pronto Soccorso sottoponendomi a più di 4 cardioversioni farmacologiche.
Non sono stati efficaci l'amiodarone, flecainide, propafenone. ho avuto una ipotensione dopo una cp di propafenone da 300 mg.
iperteso in trattamento con combisartan.
Da qualche gg ho ripreso il propafenone con beneficio.
riporto l'esito di alcuni esami :
doppler TSA placche non emodinamicamente significative, holter 7/09 sve 2 ve- Eco lieve , ingrandimento atriale sinistro 44 mm.

Terapia in atto :
Rytmonom 300 1/2 x 3. coumadin sec INR, combirtarsan, diamocrom, lexotan, kcl, pariet.

ob cardiopolmonare nella norma.

Conclusioni : FA parossistica in iperteso refrattaria a varie terapia AAD.
ECG: RS , EAS , ripolarizzazone nella norma.

Ora sono in attesa per effettuare l'ablazione transcatetere. Ho un pò paura delle possibili conseguenze nel caso non vada a buon fine. Vorrei sapere le probabilità di riuscita, informazioni in merito all'intervento (doloroso , durata, anestesia , degenza )ed eventualmente possibili effetti indesiderati.
Grazie, cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
l'ablazione transcatetere è un intervento cardiologico per via transcutanea, ossia attraverso l'introduzione di una piccola sonda in una vena della gamba, che permette, con percentuali variabili dal 70-90%, l'eradicazione della fibrillazione atriale (FA). Purtroppo tali percentuali di successo si riducono in pazienti che hanno ripetutamente presentano crisi di FA e sono altresì resistenti alla terapia farmacologica. I rischi di tale intervento sono minimi ed in genere la degenza è di almeno 3 giorni.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dott. Martino,
La ringrazio per il suo consulto.
Vorrei chiederle se mi può indicare la durata dell'intervento ed eventualmente il tipo di anestesia.
Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
E' variabile da una a tre ore e generalmente richiede solo una anestesia locale.
Saluti