Utente 142XXX
Carissimi dottori, vi chiedo un consiglio circa la situazione di salute di mia madre, al fine di poter stare tranquillo.
Ha 62 anni e le è stata diagnosticata, dopo un esame ecocradiografico, una lieve-media insufficienza aortica.
Lei è una fumatrice (15 al dì), anche se di recente ne fuma al massimo 5 e lievemente ipertesa (valori che non hanno mai superato i 150 di massima e che, curati con ACE-inibitori/diuretici, si attestano intorno ai 110). Fortunatamente è asintomatica e non presenta segni di scompenso cardiaco.
Il cardiologo dice che è un quadro clinico normale in individui anziani e lievemente ipertesi e che non c'è da preoccuparsi perché probabilmente il fenomeno non si aggraverà.
E' vero che la patologia molto probabilmente non progredirà? E se dovesse farlo quali sono i tempi? Che rischio corro di restare senza mamma???
Grazie per il tempo che mi dedicherete.

Roberto

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile Roberto,
se la valvulopatia aortica è secondaria al solo stato ipertensivo, senza accompagnarsi ad alterazioni anatomiche sottostanti, l'ipotesi effettuata dal collega è senza alcun dubbio valida. In genere, poi, per stabilire se la valvulopatia rimanga costante o meno è necessario la ripetizione sistematica, almeno una volta l'anno, di un ecocardiogramma colordoppler.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 142XXX

Iscritto dal 2010
Caro dott. Martino,

la ringrazio per la risposta solerte. Vista la sua disponibilità vorrei porle un'altra domanda.
Secondo le mie letture qua e là su diversi siti internet, le valvulopatie sono tutte degenerative e ciò mi sconforta parecchio.
Il cardiologo, invece, mi dice che in questo caso non è così.
Quanto mi devo aspettare una degenerazione? E che tempi sono previsti?
Grazie ancora

Roberto
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Non esistono tempi "certi" di degenerazione valvolare, è ovvio tuttavia che con il progredire dell'età ci si possa attendere un progressivo peggioramento, ma ciò vale, ahimè, per qualunque organo. Non stia in ansia quindi.
Saluti