Utente 144XXX
salve, ho 16 anni e ho il pene "storto" verso il basso (impossibile la penetrazione), ma finalmente sto trovando il coraggio per dirlo ai miei cosi da avere un parere medico più aprofondito... ma i miei timori più grandi sono i seguenti: rischi che comporta una operazione di "ricostruzione" se cosi si può dire, se comporta il ricovero per qualche giorno? (più meno quanto?) e il possibile costo......
grazie mille per la pazienza!!!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,

visto che su questo argomento si è già molto scritto, se desidera avere informazioni dettagliate su questo problema, le consiglio di consultare a questo punto anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=79870 .

Poi l'intervento di raddrizzamento comporta di solito solo un o due giorni di ricovero, se non ci sono problemi intra o post-operatori.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 144XXX

Iscritto dal 2010
ho letto ciò che mi ha "linkato", è stato interessante ma non è niente di nuovo... mi servirebbe sapere anche il possibile costo di visite e operazione... anche se molto aprossimativa!

grazie mille
[#3] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
riferendosi a un aspetto di "costi" lei ovviamente fa riferimento a visite e intervento eseguiti in libera professione (in "privato"). I costi possono essere diversi tra i vari specialisti, per cui penso che per lei sia più oportuno identificare prima lo specialista cui intende affidarsi, quindi informarsi sui costi relativi.
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

corretta l'osservazione del collega Pescatori, per avere poi indicazioni precise a chi rivolgersi un primo consiglio potrebbe essere quello di consultare il suo medico di famiglia e a lui chiedere un consiglio diretto.

Un cordiale saluto.