Utente 144XXX
salve sono un ragazzo di 30 con problemi di disfunzione erettile.L'andrologo ha rilevato dopo analisi del sangue deficit di testosterone libero (circa 10 pg/ml)mentre tutti gli altri valori erano nella norma.Mi ha prescritto cialis a giorni alterni e testogel da 50 mg una volta al giorno.Dopo 4 mesi di terapia ho rifatto gli esami del sangue con i medesimi risultati :il testosterone libero nn si è alzato ma leggermente abbassato ,come è possibile ?ho seguito con scrupolo la terapia ma nulla ;mi lascia perplesso il fatto che assumere testosterone esogeno nn abbia influito sulla frazione di testosterone libero.Anche il cialis nn mi permette erezioni soddisfacenti.Premetto che ho assunto finasteride(propecia 1mg per alopecia androgenetica) per circa un anno ma interrotta da più di un anno prima dell'inizio della terapia,quindi nn penso possa ritenersi la responsabile del mio stato attuale.la finesteride può indurre un testosterone libero così basso e perdurante per 1 dalla dalla cessata assunzione e soprattutto nn rispondente all'assunzione di testogel?cosa altro potrei fare?grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,

potrebbe essere la terapia indicata non sufficiente a "parare" le sue attuali esigenze e "consumi" personali.

Spesso situazioni particolari di affaticamento o di "stress" possono portare ad un "consumo" maggiore di questo ormone.

Detto questo poi bisogna comunque riconsultare in diretta il suo andrologo e con lui valutare una nuova strategia terapeutica.

Lasci perdere la finasteride, se sono passati più di 12 mesi dalla sua sospensione, non possiamo più invocarla come possibile causa del suo problema sessuale.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450.

Un cordiale saluto.