Utente 146XXX
Buongiorno a tutti: ho 32 anni e da tempo circa tre anni soffro di infezioni del tratto urinario prostatiti e problemi della sfera sessuale perdita del desiderio , disturbi erettivi: cambiando posizione perdeva rigidità, non raggiungimento della rigidità totale e mancanza di erezioni involontarie .
Effettuate varie visite da urologo curate le prostatiti da batteri (E coli klebisella) lamentavo un leggero dolore ai testicoli ma mi diceva che era tutto ok, ho anche fatto degli esami del sangue dopo visita andrologica ( nella quale riscontrava prostata infiammata ma nessuna infezione in atto)che devo far vedere all'andrologo nei quali i valori sono nella norma testosterone prolattina etc..
Nel mese di novembre iniziai a soffrire di dolori al nervo sciatico,lievi dolori a i testicoli e parestesie cutanee piede e caviglia curati con antinfiammatori ma non attenuati.
Visitato da un neurochirurgo circa due mesi fà in quanto ii dolore continuava e sotto terapia (bentelan 1,5 e oki in fiale) mi consigliò di proseguire con terapia antinfiammatoria per 15 giorni se no con un intervento chirurgico passato tale tempo, premetto che prima di allora avevo avuto dei dolori a gamba e schiena ma non così forti e passati nel giro di poco tempo.
Due settimane dopo la visita del neurochirurgo i dolori al nervo sciatico mi passarono e mi rimasero dei dolorini occasionali nella parte lombare quindi rinunciai all'operazione.
la tac da me effettuata riscontrò un' ernia del disco lombare L5 S1 mediana paramediana destra che preme su sacco durale e parziale impegno del canale di coniugazione riscontrata tramite TAC .
Un mese fà mi venne un dolore violento alla schiena tanto da non potermi riuscire ad alzare da terra venni portato in ospedale dove mi somministrarono randil 100+, urbason 40 mg, artrosilene muscoril e tranquirit e una terapia per dieci giorni di 30 gt di valium al di e 8 mg di soldesan (cortisone, i primi due giorni due al di 16mg ), i dolori passarono nel giro di tre giorni e insieme a questi mi tornò il desiderio sessuale e l'erezione involontaria che dopo due giorni circa riscomparirono ma comunque sia è un pò migliorata quella volontaria.
Adesso non ho dolori se non degli spasmi involontari della gamba destra e un pò di insensibilità cutanea caviglia e piede destro.


il mio quesito è questo: potrebbe essere l'ernia del disco la causa di tutto , mi dovrei operare?

grazie per eventuali risposte per me molto importanti!
grazie in anticipo per un'eventuale risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,l'ernia discale può dare luogo a tutta la sintomatologia lombo sacrale ed a carico dell'arto inferiore.Quanto al deficit erettile,pur giocando un ruolo,certamete non é decisivo al punto da consigliare un intervento...Più interessante,per un andrologo,é conoscere lo stato dello equilibrio ormonale, prostatico e vascolare,legati,anche,alla eventuale presenza di emorroidi,allo stile di vita (fumo,alcol etc.),alla alimentazione (evitare peperoncino,pepe,spezie,insaccati, superalcolici,birra),alla regolarità della vita sessuale, nonché al metodo contraccettivo solitamente adoperato. Come vede,esulando dalla problematica neurochirurgica,c'é molto da lavorare per porre una diagnosi andrologica rigorosa,tale da garantire il benessere sessuale. Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
grazie Dr. Izzo per la sua celere risposta
proseguirò certamente la mia strada con il mio andrologo
però se ipoteticamente fosse tutto in regola, con l'intervento risolverei due problemi in una volta sola almeno momentaneamente (anche senza l'assoluta certezza) .
Le è mai capitato qualche caso dipeso esclusivamente da ernia del disco?
scusi l'insistenza ma l'argomento mi preme molto!
grazie in anticipo per eventuali risposte
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...nella mia esperienza professionale ho incontrato molti Pazienti affetti da ernie/protrusioni intervertebrali lombo-sacrali e,pur non potendo definire un quadro clinico "unitario",tutti hanno avuto notevole giovamento dalla terapia relativa.Cordialità.
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

non è dimostrato che una ernia del disco o simili che portano alla compressione di strutture nervose somatiche possa avere un influsso sul sistema neurologico che controlla l'erezione, mentre è sicuro che in concomitanza con gli episodi dolorosi sia piuttosto difficile avere una adeguata ereziuone ed un adeguato controlloo della attività sessuale.
A mio modesto parere i pazienti che si operano per ernia del disco stanno bene e ricominciano ad avere il piacere di avere una attività erettile e sessuale regolare.
Cari saluti
[#5] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010

siete stati gentilissimi la mia speranza è che curando l'ernia risolva il mio problema.
grazie a entrambi!
[#6] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
giusto per notizia , mi sono operato e per quanto riguarda il tratto urinario non ho trovato giovamento , proverò a risolvere la questione in altra maniera da un urologo o andrologo. per quanto rigurarda la schiena tutto ok . grazie a voi cari dott. izzo e dott pozza per le risposte.
[#7] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...ci aggiorni in merito alla diagnosi andrologica.Cordialità.
[#8] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

tenga presente che certi sintomi, fastidi urinari o genitali non possono "scomparire" immediatamente dopo aver risolto il problema neurochirurgico tanto più se associabili anche a qualche problematica infiammatoria prostattica.
lasci passare un aeguato perido di tempo prima di intraprendere percorsi diagnostici snche complessi
cari saluti