Utente 131XXX
Buongiorno Dott. F. FEDI,
Mi rivolgo a Lei per un gentile chiarimento:


Assumo TRIATEC 2,5 mg. ( 1/2 cp al di )+ CONGESCOR 1,25 mg ( 1 cp al di ); entrambi alle ore 8 del mattino .
Da quanto ho avuto l'infarto la mia pressione è stata sempre 80/110, da diversi giorni (dopo il rientro al lavoro) i valori sono 100/150, ho aumentato il TRIATEC ad 1 cp al giorno, ma non è cambiato nulla.
Da cosa puo' dipendere? mi potete dare un consiglio in merito -

Grazie infinite

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile Utente, il cambio di abitudini di vita (nel Suo caso, il rientro al lavoro) può provocare un cambiameno nei valori della pressione arteriosa.
Non posso entrare nel merito della Sua terapia per ovvie ragioni, posso però comunicarLe che i farmaci che assume sono dosati al minimo, lasciando quindi ampio spazio ad un eventuale aumento delle dosi.
Sarà compito del cardiologo curante, con la collaborazione del medico di famiglia, consigliarLe la necessaria rivalutazione terapeutica per un controllo ottimale dei valori pressori.
[#2] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
G.Le Dottore,
La ringrazio per la sua risposta -
[#3] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
Buonasera, Gen.Le Dottore,
Ho aumentato ( Sotto consiglio del mio medico curante )la terapia del TRIATEC a 5 mg. al giorno, non posso aumentare il CONGESCOR perchè la mia frequenza è su 45 battiti al minuto -
Nonostante cio' a volte la pressione è ancora alta; 90/140, pero' noto che a distanza di alcuni minuti si abassa; 115/80 -
A volte ho dolori al torace e mi sento affaticato, (premetto che sono una personao ansiosa) ho eseguito due prove da sforzo entrambe negative a distanza di 5 mesi dall'infarto -
Le chiedo cortesemente:
La pressione su questi valori, puo' recare ulteriori danni al Cuore ?
Ci sono delle indagini piu' specifihe (oltre alla coronografia) per stabilire eventuali ischemie residue ?
Ho ancora un vaso ostruito definito non significativo al 50% e un'altro di piccolo calibro al 99% -
Grazie infinite
NLF
[#4] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile Utente,
è decisamente troppo presto per poter definitivamente stabilire se la terapia antiipertensiva sia sufficientemente efficace, anche se dai valori pressori che allega mi pare che stiamo sulla strada giusta.
Circa le indagini per evidenziare eventuale una eventuale ischemia residua, si affidi con fiducia al cardiologo curante che le consiglierà, se ce ne sarà indicazione, quali esami praticare (test da sforzo, scintigrafia miocardica, eco-stress, eccetera) con la giusta tempistica.
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
Buonasera,

A distanza di 5 mesi da infarto IPL trattato con angioplastica primaria su CX (BMS) con residue stenosi su IVP (50%) e PL (99%) ho eseguito controllo con il seguente risultato:

ECG: Tracciato normale bradicardico-
Visita Cardiologica:
Buon compenso C.C.
PA 140/80

Ecografia Cardiaca:
Cinesi globale normale (FE 64%) minima ipocinesia PL, minime IM i IAo

Gradirei, per cortesia un parere in merito sul responso del controllo-

Grazie infinite
[#6] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Con i limiti di una valutazione eseguita con questo mezzo, mi sembra che tutto proceda con una favorevole evoluzione.
Continui a seguire i consigli del collega curante.
Cordiali saluti
[#7] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
Buonasera,
Sono di nuovo a richiedere informazioni; causa dolori al torace ed affaticabilità, sono stato ricoverato presso il reparto di Cardiologia nell’Ospedale della mia città. Sono stato sottoposto a:
Ecografia da stress (DOBUTAMINA)-
Test negativo, non alterazioni della cinesi zonale
Ecografia ed ECG:
Attività cardiaca ritmica, Il tono sdoppiato fisiologicamente, non soffi sui focolai cardiaci.
Ventricolo sinistro di normali dimensioni, con funzione globale e segmantaria conservata, alterata distensibilità diastolica. Atrio sinistro di dimensioni normali.Apparato valvolare mitralico con lembi normomobili di normale morfologia realizzante insufficienza di grado lieve.Apparato valvolare aortico con cuspidi di normale morfologia, lieve insufficienza.Camere cardiache destre nella norma per morfologia e dimensioni. Insufficienza tricuspidalica lieve, non segni di ipertensione polmonare.Aorta toracica di normali dimensioni nel tratto ascendente. F.E. 61% P.A. omerale destra 130/80 mmHg ABI 1,1. ECG : Tracciato normale bradicardico -
Conclusioni : Cardiopatia Ischemica post-infartuale trattato con angioplastica coronarica primaria in buon compeno emodinamico –
Alle dimissioni il cardiologo mi ha detto di sare tranquillo perché ho un cuore sano, l’infarti non è piu’ riscontrabile sia nel tracciato ECG , sia nell’Elettrocardiogramma, e per i dolori mi ha sospeso il CONGESCOR , inoltre ha sostituito la cp. Di TORVAST 20 con una cp di CRESTOR 10-Personalmente mi sono sorti dei dubbi, che chiedo gentilmente a Voi se mi possono essere chiariri:Cosa significa . Il tono sdoppiato fisiologicamente ?; alterata distensibilità distolica ?;inoltre sono pericolose le lievi insufficienze sulle tre valvole? –Posso correre dei rischi sospendento il CONGESCOR? Spesso ho 40/50 battiti al minuto – ho 54 anni -
Grazie infinite e cordiali
[#8] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Come già Le ho detto, non posso esprimere pareri sulla terapia prescritta, le cui variazioni rientrano nella comune prassi in un paziente con la Sua patologia.
Per le altre tre domande, Le rispondo in blocco confermandoLe che non si tratta di nulla di particolarmente significativo.
In conclusione, ribadisco la mia impressione di una favorevole evoluzione dell'evento ischemico.
Cordiali saluti
[#9] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
Buonasera, Dott. FEDI
Chiedo scusa se non ho potuto rispondere prima
La ringrazio vivamente per le sue puntuali ed esaurienti risposte -
Grazie e cordiali saluti
[#10] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
Buonasera Dottore,
Sono di nuovo ha richiedere un suo consulto-
Ho portato il referto al mio Medico curante, il quale con molta onestà ha ammesso che non essendo un Cardiologo non poteva dare una esatta spiegazione alla valutazione di "ALTERATA DISTENSIBILITA' DIASTOLICA" -
Mi ha richiesto un esame spiromtrico e un Test del cammino, (SCALA di BORG) già eseguiti ed entrambi negativi-
Sono molto preoccupato, per cortesia mi puo' spiegare piu' in dettaglio il significato e cosa comporta nel mio caso la disfunzione diastolica ? si tratta di scompenso cardiaco ? chiaramente e' solo una mia idea -
Grazie 1000- Attendo una sua cortese risposta -
[#11] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Come ho già avuto occasione di dirLe, il Suo caso sta avendo una evoluzione del tutto favorevole, e l'alterata distensibilità diastolica rientra negli abituali reperti nei pazienti con la Sua età e storia clinica.
Mi permette di darLe un consiglio? Non stia a spaccare il capello in quattro cercando spiegazioni su ogni singola parola scritta sui referti degli esami che pratica: è una pratica che può solo generare ansia.
Si affidi a medici di Sua fiducia e ne segua i consigli, chiedendo eventualmente delucidazioni in occasione delle visite cui si sottoporrà.
Cordiali saluti
[#12] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
Gent.Le Dottore,
Premetto che sono una persona molto ansiosa, ma sappiamo tutti che spesso i referti vengono consegnati in busta chiusa e cio' che vi è riportato si legge dopo -
Mi creda la storia del Medico curante non l'ho inventata con il ptretesto di formuraLe un nuovo quesito -
Ci si rivolge al Vs. sito prprio perchè è composto da uno staff di Specialisti molto cortesi e preparati e ci fornite risposte (perlomeno nel mio caso) che non si riescono ad avere -
Spero in seguito di non disturbarla 'seguendo i suoi consigli-
Grazie ancora per tutte le risposte e la disponibilità mostrata nei mie confronti-
Cordiali saluti
[#13] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Per carità, nessun disturbo: il mio è un amichevole consiglio che dò anche ai pazienti da me seguiti.
Non è necessario conoscere dettagliatamente il significato di ogni parola dei referti degli esami strumentali (come ha visto, spesso poco comprensibili da medici specialisti in altre branche), ma è fondamentale riporre fiducia nei medici che gli stessi esami hanno prescritto. E' loro compito trasmetere al paziente le informazioni necessarie per una corretta gestione della patologia.
Ogni volta che desidera, comunque, posti pure i Suoi quesiti!
Cordiali saluti
[#14] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
Grazie