Utente 156XXX
Salve a tutti. Premetto che ho 36 anni, non sono in sovrappeso ed ho smesso di fumare da circa 1 mese (prima fumavo un pacchetto al giorno ma sempre di sigarette "leggere"). Ho avuto diversi episodi di ansia e DAP nell'ultimo anno, curati con farmaci (xanax) e terapia cognitivo- comportamentale. Ultimamente però a quei sintomi che avevo imparato e con cui convivevo se ne sono aggiunti altri che mi preoccupano non poco. Prima di tutto un dolore allo sterno e alla parte sinistra della gabbia toracica: non è sempre presente ma va e viene durante la giornata, in momenti diversi e senza particolari cause. A questo si è aggiunta una strana sensazione di vuoto o di colpo al petto, non so bene come descriverla, a seguito della quale mi viene da tossire per evitare che ricompaia. Alcune volte insorge dopo i pasti, altre volte dopo piccoli sforzi quali salire le scale o fare una leggera corsa. A seguito di ciò sento che inizia un pò di tachicardia che credo sia dovuta più che altro alla paura e all'ansia che questo evento genera. Non so se possa essere un problema cardiaco (extrasistole) o polmonare: il dubbio mi viene perchè successivamente sento la respirazione un pò affannata e un pò di oppressione al petto ed alla schiena.
Termino dicendo che dalle analisi del sangue, urine e dagli esami per la tiroide non risulta nulla di particolare. La pressione è sempre nei limiti, solo i batti ti risultano un pò accelerati (80/85 al minuto). Grazie in anticipo per le risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
i suoi fastidi, probabilmente più di natura ansiosa che organica, richiederebbero l'espletamento di un test da sforzo, che permetterebbe di escludere del tutto una eventuale problematica cardiaca.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 156XXX

Iscritto dal 2010
Intanto La ringrazio per la risposta, Dr. Martino, provvederò prima possibile ad effettuare il test da sforzo.
Ieri però ho notato una cosa che potrebbe essere importante: dopo diverse settimane sono tornato in piscina per un allenamento leggero. Avevo un pò di timore perchè sapevo che con lo sforzo probabilmente avrei avuto di nuovo quel problema. Appena iniziato ecco quella sensazione: come dei colpi al centro del petto durante la respirazione. Inoltre respiravo male, facevo tre o quattro respiri e poi di nuovo un colpo, a volte sembrava che l'aria non mi bastasse e sentivo il cuore andare a mille. Non notando però dolori ho continuato nell'allenamento: dopo un pò questa sensazione è sparita, credo dopo aver "rotto" il fiato come si dice, ed il battito cardiaco si è stabilizzato.
In parole povere ho avuto la sensazione che più che al cuore, questa sensazione fosse collegata con i polmoni e con la respirazione. Potrebbe essere? E nel caso, che tipo di esami dovrei fare? Grazie ancora per la cortesia nelle risposte.
[#3] dopo  
Utente 156XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dr. Martino, oggi ho effettuato un ecg a riposo, effettuato presso il pronto soccorso a seguito di un forte stato di agitazione. Secondo il cardiologo è tutto a posto ma volevo una ulteriore conferma.
Questi sono i valori riportati:
Freq. 83 . RITMO SINUSALE NORMALE FREQUENZA 83
PR 150 . (CANCELLATO)
QRSD 95 . DEVIAZIONE ASSIALE SINISTRA
QT 348 . RSR' IN V1 O V2
QTc . E.A.S. (SCRITTO A PENNA)

ASSE
P 92
QRS -36
T 49

E' tutto a posto? Perchè ci sono delle cancellature? Secondo Lei, l'effettuazione di un ECG sotto sforzo è necessario per escludere patologie? Grazie ancora per le risposte.