Utente 153XXX
ho 36 anni e diciamo che il preblema è che non riesco a tenere un'erezione cioè nella masturbazione e ormai poche volte per tenere l'erezione devo diciamo essere in movimento cioè appena mi fermo mi si ammoscia quasi nelll'immediato anche se ho la iaculazione! e quindi volevo sapere (mi sà che rimmarrà solo curiosità)se è una patologia di impotenza? e visto che una cosa molto imbarazzante e tanto non si saprà mai chi sono posso dire che sono vergine!? (questo per la notevole timidezza, poco interessante e sicuramente per le dimensioni del pene) oltre la masturbazione non ho mai avuto nessun rapporto sessuale con nessuna donna e logicamente per mè con nessun uomo e neanche con una prostituta! e se è impotenza cmq quali esami bisogna fare per essere sicuri? o ci sarebbe già una soluzione ad es. con il viagra? Cmq tutto questo perchè per ironia della sorte ho conosciuto una donna sicuramente non succederà niente e lei vorrà essere solo un'amica!! però visto che non ho esperienze!..e magari per miracolo vorrebbe stare con mè! però poi non funziona neanche!!??... Cmq ringraziandovi anticipatamente Vi Saluto Cordialmente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,

è forse giunto il momento per consultare in diretta un esperto andrologo.

Nessun esame possiamo consigliarle da questa postazione senza avere prima potuto valutare in diretta la sua reale situazione clinica.

Nel frattempo, se desidera avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html .

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

il suo problema potrebbe essere legato a fattori "psicologici" ma forse, più probabile. a fattori fisici, circolatori
si faccia vedere da uno specialista andrologo che la aiuterà ad affrontare tali problemi
qualche informazione in più su www.erezione.org
cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

comunque, fatta la valutazione andrologica, ci tenga aggiornati sulle conclusioni diagnostiche e sulle indicazioni terapeutiche che le saranno date.

Ancora un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
grazie tante per le risposte... cmq appena possibile farò sapere..però ad esempio non potrò dire se riesco a fare una penetrazione? e sicuramente con questo problema ho la iaculazione precoce!.. ma è una cosa preoccupante? o sarà risolvibile data l'eta?.. perchè anche se non è risolvibile ditemelo pure con sincerità tanto sicuramente ho perso la parte migliore della mia attività sessuale e quindi la cosa non mi farà star male più di quello che sono adesso..E poi mi vergogno.. se non trovo la persona giusta cioè uno che magari non mi fà fare esami adatti a mè? voi non potete indirizzarmi da uno bravo? Io sono vicino a milano. grazie in ogni caso. I più Sentiti e Cordiali Saluti
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

non è questa la sede per fare una tale richiesta che non ha un interesse generale.

Per la scelta dell'andrologo invece bisogna chiedere in primis un consiglio al suo medico di fiducia ma anche il nostro sito la può eventualmente orientare.

Un cordiale saluto.
[#6] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
dopo aver effettuato un'indagine andrologica per fugare cause organiche e per una diagnosi esatta del suo disturbo, le suggerisco di consultare un sessuologo clinico, con cui effettuare qualche colloquio di counseling psico-sessuologico.
L'eccitazione solitaria ha altri percorsi, sicuramente più semplici, di quella relazionale.
Il rapporto intimo, con una donna, fatto di fisicità, sensorialità, immaginario ed il corpo dell'altro, evoca sicuramente altre paure ed insicurezze.
Potrebbe fugare le perplessità e condividere le emozioni e le paure associate ad una nuova relazione con un clinico, esperto in dinamiche di coppi, con cui elaborare anche il vissuto sessuologico.
Auguri.





www.valeriarandone.it