Utente 153XXX
Buongiorno, è un periodo di forte ansia che mi crea sintomi fastidiosi. Avendo una madre che ha una disfunzione della valvola aortica ed avendo sempre in casa sentito le sue preoccupazioni riguardo al cuore ho sviluppato una certa paura riguardo a queste patologie. A dicembre ho fatto un elettrocardiogramma perchè sentendo un peso al petto ho voluto stare tranquilla ed è risultato tutto a posto e il cardiologo da cui l'ho effettuato mi ha prescritto una ecocardiografia per escludere che potessi avere anchio questa disfunzione che ha mia madre in quanto congenita. Tra questo elettrocardiogramma e l'ecogariografia che ho effettuato a febbraio e che risultava nella norma ho avuto un episodio, dopo aver fatto una stupidaggine assieme a mio marito cioè aver fumato della mariuana, cosa che facciamo molto raramente e che dopo questa esperienza non rifarò sicuramente, essendomi preso un po di panico ho avuto palpitazioni, le mani fredde e sudorazione ed ho sentito una sensazione di vuoto al petto come se mi mancasse l'aria. I giorni seguenti in qualche occasione ho sentito di nuovo questa sensazione di mancanza di ossigeno, poi è passato. La mia domanda è: Poteva trattarsi di un infarto, ho sentito dire che a volte il dolore è assente? L'ecocardiogramma fatto un mese dopo l'avrebbe visto? Non riesco a togliermi questa preoccupazione in quanto tra breve comincerò l'iter per una fecondazione in vitro dove mi faranno una sedazione profonda e questo mi crea un po di preoccupazione e vorrei essere sicura che il mio cuore sia a posto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,
pur con i limiti di un consulto a distanza credo di poterLa tranquillizzare.
Infatti, la descrizione di quanto Le è capitato, unitamente al risultato degli esami cui si è già sottoposta ci permettono di escludere con ragionevole certezza la presenza di patologie cardiache in atto o pregresse.
Le faccio i miei complimenti per aver preso la decisione di non ripetere stupidaggini, e tanti auguri per l'esito della prossima procedura di fecondazione!
[#2] dopo  


dal 2011
Gentilissimo Dottor Fedi ringraziandola della pronta risposta e degli auguri La saluto cordialmente