Utente 369XXX
Salve a tutti,
due giorni fa ho estratto il primo dente del giudizio che si trovava nell'arcata inferiore nella parte sinistra. L'intervento è stato molto delicato in quanto il dente era posizionato in modo orizzontale e le sue radici a cavallo del nervo mandibolare.
Al momento non ho conseguenze gravi in merito a questo. Ma il parere richiesto riguarda il gonfiore! Infatti ho la guacia gonfia e ovviamente dolorante...
- come potrei accellerare la regressione del gonfiore?
- perchè si è gonfiato? da cosa dipende?
- quando potrò tornare a mangiare normalmente?
- devo ancora applicare ghiaccio?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Stea
24% attività
0% attualità
0% socialità
COTIGNOLA (RA)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2004
Gent.ma Sig.ra,
dopo l'estrazione chirurgica di un dente del giudizio, soprattutto inferiore, è normale che il gonfiore si possa protrarre anche per una settimana.
Per un migliore decorso post-operatorio è utile una terapia antinfiammatoria con FANS (tipo nimesulide o simili) allo scopo sia di accellerare la regressione del gonfiore sia di controllare il dolore.
Il ghiaccio non è più necessario trascorsi 2 giorni dall'intervento.
Rimanendo a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento Le porgo cordiali saluti

Dott Stefano Stea
[#2] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.ma Sig.ra,
come Le è stato già risposto,la situazione può essere considerata normale.
Per quanto riguarda i Suoi quesiti, Le è stato in parte già risposto:

- terapia farmacologica, già suggeritaLe, e con assai ampia scelta di principi attivi

- il gonfiore è dovuto in parte all'edema tissutale dato dal traumatismo chirurgico, ma potrebbe anche essere dovuto ad una raccolta ematica o ematoma, od infine ad una flogosi locale (la diagnosi differenziale non è possibile via web)

- la limitazione funzionale ha un decorso variabile, ma in genere in 7-10 giorni si può ritornare ad un'alimentazione normale

- l'applicazione di ghiaccio non ha ora alcuna indicazione

Cordialmente

[#3] dopo  
Dr. Paolo Patrucco
24% attività
0% attualità
4% socialità
CASALE MONFERRATO (AL)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2000
gentile paziente ,
i due colleghi sono stati esaurienti e impeccabili ,posso solo aggiungere che il gonfiore può scendere anche con l'utilizzo di argilla ventilata usata per impacchi ,grazie alla sua forte azione antiinfiammatoria locale.
Paolo Patrucco
[#4] dopo  
Dr. Roberto Manco
20% attività
0% attualità
0% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2006
Spett.le utente
nulla da aggiungere a quanto detto dai colleghi...quello da lei esposto è il decorso normale per l'avulsione chirurgica di un dente del giudizio
[#5] dopo  
Utente 369XXX

Iscritto dal 2007
Approfitto delle vostre gentili risposte per apprendere dell'altro.
Sono passati 6 giorni da quando ho fatto l'intervento. Il gonfiore è retrocesso abbastanza velocemente e ho smetto la cura di antibiotico dopo 6 giorni. Mi toglieranno i punti a 9 giorni di distanza dall'intervento.

- posso prendere un caff o mangiare cose calde?
- posso ricominciare l'attività fisica?

GRAZIE!
[#6] dopo  
Dr. Roberto Manco
20% attività
0% attualità
0% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2006
gentile utente
....DIVERTITI!!!!!...non ci sono problemi
[#7] dopo  
Dr. Bruno Marcelli
24% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
Può, ormai, fare tutto. L'importante è curare bene l'igiene orale nella zona d'intervento, in modo che non permangano residui alimentari. Cordialmente, Bruno Marcelli
[#8] dopo  
Dr. Stefano Stea
24% attività
0% attualità
0% socialità
COTIGNOLA (RA)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2004
Gentil.ma Sig.ra,
condivido assolutamente quanto ulteriormente precisato dai miei colleghi.
Aggiungo, come ultimo consiglio, di effettuare una radiografia di controllo tra 4-6 mesi per verificare la guarigione ossea.
Cordiali saluti

Dott. Stefano Stea