Utente 751XXX
salve, inizio con il ringraziare tutti coloro che mi risponderanno, altre volte ho usufruito del vostro servizio...fate un lavoro veramente utile a tutti, grazie!
allora, sono un ragazzo di 25 anni, da un anno convivo con la mia partner, che conosco da 6. L'intesa sessuale con quest'ultima è sempre stata perfetta e non ho mai avuto problemi su tale aspetto.
Ultimamente però, precisamente nell'ultimo mese, ho difficoltà a mantenere un erezione sufficiente. In pratica durante i preliminare tutto è ok, ma nel momento della penetrazione ecco che "crolla sansone con tutti i filistei".....in pratica sento il cuore "in gola" un senso di agitazione generale, pesantezza nel respiro e quindi la perdita di erezione. Premetto che non faccio uso di droghe nè abuso eccessivo di alcool.
Premetto anche che da anni soffro, di una sorta di ipertensione ereditaria, onestamente io penso sia più su base emotiva, anche perchè sento la pressione che sale nel momento in cui mi inseriscono il bracciale dello sfigmo.
Ipertensione non trattata, anche perchè non è sempre presente e non di origine chiara. Comunque sia la cosa non mi ha mai dato particolare problemi,specie nella sfera sessuale.
Ho chiaramente parlato della cosa con la mia partner, che come immaginavo è stata molto comprensiva e di aiuto. Fino ad ora la tecnica dell'aspettativa a letto, di solito risolve la cosa, alcune volte capita che anche se non c'è un rapporto sessuale completo, ci masturbiamo a vicenda, perchè nel momento in cui riprovo con la penetrazione ricapita la stessa cosa...onestamente non so più cosa pensare e cosa fare!! La cosa mi sta iniziando seriamente a dare dei problemi...che consigli mi dareste??

vi ringrazio tantissimo...buon lavoro

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve.
potrebbe usare due strade, anche in contemporanea.
la prima è una verifica della possibilità che il tutto sia dovuto ad ansia e quindi cercare di risolvere questa.
la seconda attraverso una visita specialistica per vedere se i farmaci possono essere di aiuto.
cordialmente