Utente 152XXX
Gentili medici sono un ragazzo di 20 anni. Premetto che nel novembre scorso ho effettuato una visita cardiologica con ECG ed eco color doppler con risultati tutti nella norma tranne una aritmia sinusale respiratoria a freq.65/min.Il medico mi disse che è un'aritmia respiratoria e posso tranquillamente praticare sport.Negli ultimi 3 anni ho sempre praticato attività con attrezzi in palestra e di rado attività aerobica,di recente ho deciso di invertire questa tendenza per dare al mio fisico nuovi stimoli pertano ho programmato di fare circa 2/3 allenamenti settimanali di corsa o bicicletta.In queste prime mie uscite correndo ho notato valori anomali nel mio cardiofrequenzimetro( non è molto costoso,non sarà precisissimo ma darà comunque una indicazione reale credo).La mia pressione a riposo è 65ca. e durante i primi minuti già la frequenza saliva a 130 bpm raggiungendo 160-170 durante il percorso per terminare all'apice dello sforzo ai 192 bpm oltre i quali mi sono fermato.Premesso comunque che essendo neofita,avendo corso sotto il sole e in un percorso per buona parte in falsopiano/salita i battiti dovrebbero essere elevati ma tutto cio dovrebbe essere motivo di preoccupazione o con l'allenamento riuscirò ad abbassare la frequenza? dopo tutti gli accertamenti di novembre è il caso di fare delle prove sotto sforzo? la ringrazio per l'attenzione.Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
A occhio e croce, e con tutti i limiti del mezzo, credo che i valori della tua frequenza cardiaca in corso di attività fisica non siano patologici, anzi essi rientrano nella assoluta normalità.
Una valutazione specialistica cardiologica annuale è indispensabile per chi pratica attività sportiva. E' compito del cardiologo esaminatore prescrivere gli ulteriori esami che ritiene opportuni per ogni singolo paziente.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 152XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio per la risposta,comunque in linea di massima il mio cardiologo mi disse che è una aritmia fisiologica,devo però avere alcune limitazioni o effettuare controlli frequentemente?
[#3] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Da quanto hai raccontato, non mi sembra ci sia indicazione a limitazioni dell'attività fisica. Come per tutti i praticanti attività sportiva, una visita specialistica cardiologica annuale è più che sufficiente. Se il cardiologo lo riterrà necessario, prescriverà ulteriori esami.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 152XXX

Iscritto dal 2010
Egregio dottore,ho eseguito un'analisi del sangue circa 40h dopo l'ultimo allenamento e l'unico valore non nella norma è la transaminasi GOT: 68 (valore massimo di riferimento:42),la GPT è 18..il tutto potrebbe essere collegato magari ad un affaticamento muscolare o cardiaco viste queste prime mie uscite?
[#5] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Il singolo, lieve aumento delle transaminasi GOT non riveste particolare rilievo clinico, tanto meno è possibile ipotizzare un qualunque interessamento cardiaco.
Cordiali saluti