Utente 158XXX
Buona sera,
volevo chiedere un'informazione probabilmente banale, qualche mese fa ho effettuato un semplicissimo preglievo del sangue venoso, sul momento non ho avuto nessun problema ma alla sera e nei giorni succesivi il sangue era coagulato all'interno della vena dritto proprio in forma del passaggio dell'ago, se toccavo in superficie sentivo che all'interno era solido ed indolenzito, ma il tutto è guarito in pochi giorni associato a qualche dolore, fastidio. a distanza di circa 4 mesi sento ancora all'interno come se avessi l'ago e raramente sento un leggero pungere al tatto, devo preoccuparmi... la mia domanda principale è questa in quanto io quel giorno non ho visto con i miei occhi:" l'ago a farfallina verde del prelievo si può spezzare all'interno?
in attesa porgo i miei più cordiali saluti grazie ;-)
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
la possibilità che la puntura di una vena possa complicarsi con fenomeni flebitici esiste e si realizza non raramente.
Se il dispositivo impiegato è quello che descrive (ago metallico "a farfalla") la sua rottura e permanenza all'interno della vena è assolutamente impossibile.
[#2] dopo  
Utente 158XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio di cuore perchè la mia agitazione era quasi alle stelle.