Utente 163XXX
buonasera.
sono un ragazzo di 27 anni che da qualche mese soffre di ansie da prestazione.
ho da sempre avuto qualche timore, ma da quattro annie e mezzo sto con una ragazza che mi ha fatto passare tutti i dubbi... o almeno cosi credevo.

da circa tre mesi soffro di ansie e tensioni, dormo male e mi svegli sempre stanco e teso
per farvi capire meglio vi spiego una cosa: mi sono laureato l'anno scorso e ho cominciato subito a lavorare in uno studio di architettura, con orari stressanti, ai quali si agginga che faccio il pendolare, uscendo alle otto del mattino per rientrare alla otto di sera con un ora di viaggio all'andata e un'altra per il rientro.
ora mi chiedo se le mie "disfunzioni" e tutte le paure che ho siano influenzate da stress... sto bene con la mia ragazza, mi attira e anzi soffro nei momenti di deficit, in cui vorrei completare l'atto ma non riesco.
vi dico anche che non ho problemi fisici accertati, sicuri perchè lo hanno confermato alcune visite dall'urologo che mi ha consigliato di stare tranquillo e che non mi serve nulla, perchè non sono impotente.

So di non esserlo, in quanto anche durante questo periodo brutto il sesso non è mancato, ma sento che le paure aumentano e compromettono seriamente il rapporto con lei...

tre mesi fa ha iniziato a duolermi il testicolo sinistro, operato 8 anni fa di varicocele. il medico mi ha detto che c'era un piccolo idrocele riassorbibile con antibiotici. poi una prima visita urologica ha diagnosticato una epididimite, anch'essa curabile... ora ho il glande con una strana sensazione di appicicosità che non ho mai avuto. sono ansioso e certo non lo aiuto

che cosa dovrei fare visto e considerato che non ho problemi fisici?
quali terapie o strade dovrei seguire per combattere le mie ansie?
ringrazio in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Campo
28% attività
0% attualità
12% socialità
VERONA (VR)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2010
gentile Utente,
il deficit erettivo ha cause ormonali, psicologiche, circolatorie e neurologiche. Saputa la causa se ne fa la terapia. Si rivolga ad un andrologo in maniera tale da inquadrare la causa delle sue "disfunzioni".

Cordiali saluti