Utente 147XXX
Salve, sono un rgazzo di venti anni, sono allergico all'acaro della polvere e al polline, da una vita soffro di rinite allergica, congiuntivite allergica, non respiro mai bene con il naso e ho sempre le borse sotto gli occhi. Ho provato vari spray nasali e compresse di antistaminici ma non ho risolto. Cosa mi consigliate di fare? Im questi casi sarebbe utile una visita dall'otorino laringoiatra? Grazie in anticipo!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Buonasera.
Mi spiace ma non è possibile aiutarLa sulla base di queste informazioni. Il Suo caso necessiterebbe di una valutazione anamnestica dettagliata sul tipo di sintomi, sui test eseguiti e sulle varie sensibilizzazioni, sulle esposizioni dominanti, sull'effettiva inefficacia dei farmaci (e quali farmaci).
Qui posso solo ricordarLe l'ultilità della prevenzione ambientale per gli acari della polvere e la possibilità di un'immunoterapia specifica (se indicata).
Pertanto direi che la cosa più sensata da fare in prima istanza sia tornare a visita da un allergologo.
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 147XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille Dr. Marchi
[#3] dopo  
Dr. Gianni Sulis
24% attività
0% attualità
0% socialità
CAGLIARI (CA)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2005
Certo ritengo che oltre alla valutazione allergologica classica sia indispensabile vedere dentro il naso con una valutazione endoscopica, effettuare una citologia nasale per vedere cosa si verifica a livello microscopico. Ricordiamoci che oltre alle forme allergiche esistono tutta una serie di patologie che possono essere autonome o associarsi alle allergie come la NARES la NARESMA ect..la cui diagnosi è solo citologica.
Saluti G.Sulis
Otorinolaringoiatra
socio fondatore dell'AICNA Accademia Italiana di Citologia Nasale www.aicna.it
[#4] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Per non generare confusione nel paziente, preciso che la valutazione ORL non è da escludere (anzi, è richiesta molto spesso dall'allergologo) ma, di fronte ad un soggetto con una lunga storia di rinocongiuntivite allergica (quindi già con una diagnosi specialistica), dovrebbe essere secondaria (in ordine temporale) ad una nuova visita allergologica.
Saluti,
[#5] dopo  
Utente 147XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per i chiarimenti!
[#6] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Prego.
Buona giornata.