Utente 165XXX
sono stato operato da piccolo per ben 2 volte di fimosi. Cio' mi ha lasciato il glande particolarmete sensibile e comunque la pelle del prepuzio non si scopre da sola ma manualmente (con un senso non di dolore ma di fastidio).
Sono quindi sempre stato facilmente preda di "perdite" di erezione.
Nonostante tutto mi sono sposato ed ho avuto 2 figli.
Due anni fa ho avuto un blocco: una sera mia moglie voleva avere un rapporto sessuale con me ed io, complice un gran mal di testa che non ricordo di aver mai piu' avuto, ho fallito.
Da quella volta non abbiamo piu' avuto rapporti.
Recentemente, spinto anche dalla paura di perdere mia moglie, mi sono sottoposto a visita andrologica che non ha, apperentemente, rilevato nessun problema (con gran sconforto di mia moglie). L'andrologo mi ha mandato da una psicologa e dopo la prima seduta mi sono sentito molto meglio avendo delle line guida da seguire, esercizi di Kegel ecc.
Ho subito provato ad avere un rapporto con mia moglie ma l'erezione non e' arrivata. Dopo le ferie ricontattero' la psicologa, ma temo di non farcela e vedo il divorzio al'orizzonte.
Consideravo cose tipo viagra come l'ultima spiaggia, ma la psicologa mi ha detto che i farmaci non funzionano se non c'e' una certa condizione (di desiderio?).
Sono un 36enne molto preoccupato.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
La sua psicologa può anche avere ragione ma ora riconsulterei un esperto andrologo e con lui ridiscuterei una eventuale strategia "combinata" che spesso in questi casi estremi viene consigliata.

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html .

Un cordiale saluto.



[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Signore,
come giustamente le ha suggerito il Dr.Beretta, l'approccio dovrebbe essere combinato al suo disagio, che sta inoltre destabilizzando la sua psiche e la sua unione.
Il keghel, non serve affatto al deficit erettivo, ma al potenziamento della terapia sessuologica per l'eiaculazione precoce.
La terapia dovrebbe essere sia farmacologica, super visionata da un andrologo,( la terapia orale per il d.e., oggi in clinica viene rappresentata da tre farmaci), e psico-sessuologica, eseguita da un sessuologo clinico, se è anche psicoterapeuta meglio ancora.
le due figura professionali, che si occuperanno di lei e della sua sessualità, si confronteranno e collaboreranno con e per lei, al fine di riabilitare il suo talamo e, di svezzarla farmacologicamente nel più breve tempo possibile.
Auguri.




www.valeriarandone.it
[#3] dopo  
Utente 165XXX

Iscritto dal 2010
Grazie ad entrambi. Contattero' quanto prima un altro andrologo
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ci aggiorni comunque sugli sviluppi del suo problema clinico, se lo desidera