Utente 387XXX
Buongiorno, mi è stata riscontrata un'ernia ombelicale e una diastasi dei retti addominali in seguito a due gravidanze portate a termine con TC. Mi è stato consigliato di intervenire con una piccola operazione che risistemerà sia il problema erniale che quello addominale. Sono pienamente d'accordo sull'intervenire sull'ernia in quanto ho letto che continui sforzi non fanno che aumentare il volume dell'ernia stessa, ma vorrei avere maggiori informazioni per quanto concerne l'operazione di ricongiungimento dei retti addominali, cioè se è veramente necessario o si tratta soltanto di un'operazione di chirurgia estetica, in tal caso eviterei perchè comunque un intervento e quindi tutti i rischi ad esso collegati. Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Se e' presente un' ernia ombelicale e si esegue un intervento per correggerla, l' eventuale diastasi dei retti puo' venire corretta durante la stessa procedura senza aggiungere ulteriori rischi a quelli ordinari dell' intervento. La valutazione deve pero' essere fatta dopo una visita ed eventuali accertamenti se necessari. Auguri!
[#2] dopo  
Prof. Stefano Arcieri
24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2000
E' sicuramente consigliato di sottoporsi ad intervento chirurgico di correzione di entrambi i difetti della parete. Tale procedura può essere effettuata in tecnica videolaparoscopica.
Cordialità.
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Non si tratta di un'operazione di chirurgia estetica. Per altro una diastasi comparsa dopo un intervento laparotomico credo che sia classificabile piuttosto come laparocele. Sarebbe un errore riparare l'ernia ombelicale senza procedere contestualmente all'eliminazione di quest'ultimo, situazione che predisporrebbe a sicura recidiva. Non vedo fra l'altro la possibilità tecnica di eseguire una ernioplastica ombelicale in presenza di retti diastasati: ciò sarebbe possibile solo con metodica vedeolaparoscopica; con questa tecnica tuttavia la parete resta rinforzata ma non rimodellata (la diastasi resta).
[#4] dopo  
Dr. Claudio Bernardi
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2003
Gentile Signora,
è assolutamente corretto che sia l'ernia che la diastasi muscolare dei retti siano corretti contestualmente. Non è un "grosso" intervento ma neanche "piccolo".
Distinti saluti
Dott. Bernardi Claudio
Chirurgia Plastica
http://www.claudiobernardi.it
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Di Giacomo
24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2005
D'ACCORDO CON L'AMICO BERNARDI.
[#6] dopo  
25413

Cancellato nel 2013
Gentile Utente,
concordo con i Colleghi precedenti sulla opportunità di procedere ad una correzione di entrambi i difetti. Tanto più che quest'intervento può essere eseguito per via laparoscopica.
Intendiamoci: per via laparoscopica di solito NON si approssimano i retti, ma si applica una protesi di rinforzo della parete addominale che impedisce l'erniazione del contenuto peritoneale.
L'intervento è rapido e ha come unico reliquato estetico tre cicatrici puntiformi al fianco destro.
Resto a sua disposizione
Giovanni D. Tebala
gtebala@medicitalia.it
[#7] dopo  
Prof. Stefano Arcieri
24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2000
,