Utente 165XXX
Buongiorno, vorrei chiedere un parere rispetto a quanto mi accade da un paio di mesi circa. In pratica due mesi fa dopo un pranzo con pizza+dolce+caffè, sono svenuta. mi sono ripresa in breve tempo, con l'aiuto del pizzaiolo che mi ha alzato le gambe e dato limone e zucchero. da allora ad ogni pranzo o cena, a volte sto ancora terminando di mangiare l'ultimo piatto, sento la pressione calare. Riesco a bloccare la discesa con acqua molto fredda, gatorade e zucchero. La mia pressione è di 107 su 67,è sempre stata così, un paio di volte all'anno infatti svengo sempre soprattutto se c'è caldo o se mi alzo molto velocemente, ma non mi era mai successo così frequentemente e mai appena mangiato, soprattutto pasti abbondanti. I miei battiti cardiaci a riposo sono 98. Vorrei gentilmente sapere secondo voi cosa potrebbe causare questa situazione e che ti tipi di controlli fare.
grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,
basandomi unicamente sul Suo racconto vedrei indicata l'esecuzione di un ECG dinamico Holter ed un tilt-test. Naturalmente questo consiglio va confermato da una visita specialistica cardiologica "dal vivo", che potrà inoltre evidenziare la necessità di eventuali ulteriori indagini che il collega potrebbe reputare opportune.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 165XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille Dr. Fedi, farò senz'altro gli esami indicati e la visita specialistica, non le nascondo che sono un pò preoccupata..mio padre ha avuto i polipi al cuore, due by-pass ed è morto d'infarto...non vorrei fossero problematiche ereditarie! Le farò sapere. Buona giornata e grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,
mi sento di tranquillizzarLa completamente: i sintomi che ha descritto non sono riconducibili in alcun modo con le patologie cardiache di cui ha sofferto Suo padre.
Cordilai saluti