Utente 131XXX
Gentili dottori vi linko la discussione postata in neurologia e se gentilmente potreste darmi un consiglio.

http://www.medicitalia.it/consulti/Neurologia/155940/Crisi-epilettica

saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Dopo aver letto il precedente consult, non mi è chiaro su cosa chiede il parere cardiologico.
Sul trattamento ipotensivo o sulle correlazioni eventuali tra cuore e accessi comiziali?.
Mi faccia sapere in modo da essere il più preciso possibile.
A disposizione per ulteriori consulti
[#2] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
il parere cardiologico gentile dottore lo chiedo sulla pressione arteriosa che da 3 giorni sale fino a 170/100 e devo dargli 7-8 gocce di nifedicor per farla scendere(con le gocce scende a 120/80 piu o meno ma al max per 4 ore)

nei precedenti giorni la pressione era assestata in media sui 120/130 70/80

il nostro cardiologo ha aggiunto alla sua precedente cura

sotalex 80 mg 2 al giorno
olprezide 20/25 1 al giorno

l'adalat crono da 30 (medicinale già preso in passato) ma sono 3 giorni e risultati non se ne vedono.

visto il precendente dell'emorragia e delle 2 crisi epileticche di 2 settimane fa sono preoccupato.
io ho chiesto se si poteva fare non so un day ospital o qualche giorno di ricovero per fare accertamenti vari ma lui dice di no.inoltre qui da noi sta facendo caldissimo e un afa impressionante e di solito la pressione dovrebbe anche scendere con questa caluria.

lei cosa ne pensa?



[#3] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Penso che i valori pressori con la terapia attuale non sono ben controllati e che in caso di pregressa emorragia cerebale essi sarebbero da controllare in maniera ottimale.
Le gocce che prende suo padre vano bene per far abbassare i valori della pressione in caso di puntata ipertensiva e non certo per controllarla cronicamente.
Esistono molte altre armi farmacologiche da utilizzare e pertanto consiglierei di eseguire un diario pressorio ( con rilevazioni quotidiane della pressione da eseguire sempre alla stessa ora), portarlo dal suo curante per modificare la terapia antipertensiva.
A disposizione per ulteriori consulti
[#4] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
il diario pressorio già c'è l'ho e se vuole glielo trascrivo per farvi rendere un idea(le scrivo mattina e sera)

3 luglio
120/80
110/70
4 luglio
145/90
140/85
5 luglio
140/85
120/80
6 luglio
110/75
140/80
7 luglio
130/80
120/75
8 luglio
130/75
120/75
9 luglio
110/70
10 luglio
100/60
110/75
11 luglio
110/75
12 luglio
110/70
13 luglio
120/80
120/85
14 luglio
120/70
15 luglio
130/80
130/85
16 luglio
140/85
180/100
17 luglio
160/90
170/100
18 luglio
160/90
160/90

come può vedere il problema è sorto dal 16 luglio
come detto in precedenza con i picchi ho somministrato le gocce e la pressione è scesa per 3-4 ore.

sono preoccupato perchè all'improvviso se rialzata senza smuovere nulla dalla sua terapia.
da ignorante in materia le chiedo queste medicinali possono smettere di fare il loro dovere da un giorno all'altro?
se le può essere utile mioo padre 12/15 giorni fa ha efftuato una cura con siringhe di bentelan (10 siringhe) siccome so che il cortisone fa alzare la pressione potrebbe essere quello con giorni di ritardo?
[#5] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gentile utente, potrebbe essere il cortisonico; occorre verosimilmente con l'accordo del medico curante potenziare temporaneamente la terapia ipotensiva, fino a quando il cortisonico smettera' la propria interazione.
A disposizione per ulteriori consulti
[#6] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
ok quindi sto imparando qualcosa anche io.
per ora gli è stato aggiunto da 3 giorni l'adalat crono da 30 (1 compressa al giorno)

la ringrazio per il supporto e le celeri risposte è gentilissimo.

la aggiornerò sicuramente.

saluti
fabio

ps nel caso che ne pensa del lasix ?
[#7] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
abbiamo effettuato la visita cardiologia (ecocardiogramma-ellettrocardiogramma con prova da sforzo) ed il cuore sta bene per fortuna.

la dottoressa ha tolto l'aliflus (perchè contiene cortisone) e gli ha dato 2 spruzzi invece di 1 si Spiriva

nel foglio illustrativo della spiriva però dice cosi:

Il dosaggio raccomandato di tiotropio bromuro è l’inalazione del contenuto di una capsula una volta al giorno, allo stesso orario, effettuata con il dispositivo HandiHaler. La dose raccomandata non deve essere superata.

che ne dite voi dottore?
[#8] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Non ho elementi per confutare il consiglio della collega.
Saluti
[#9] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
salve riesumo questo topic per fare una domanda...

nella terapia di mio padre c'è come compressa l'adalat crono 60 mg

http://www.paginesanitarie.com/skfarmaci/monografia%20di%20ADALAT%20CRONO%2014CPR%2060MG%20RM.htm

volevo chiedere se prenderne due da 30 mg era lo stesso o portava qualche problema?

faccio la domanda perchè qui in camapnia c'è uno sciopero e si pagano i medicinali..avendo le compresse da 30 mg in casa se è la stessa cosa sarebbe un peccato non usarle....

saluti fabio
[#10] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
L'assunzione contemporanea di due compresse di Adalat Crono 30 ha esattamente gli stessi effetti dell'assunzione di un'unica compressa di Adalat Crono da 60 mg.
Quindi Suo padre potrà tranquillamente "smaltire" le compresse residue in suo possesso, traendone un identico beneficio.
Cordiali saluti