Utente 166XXX
Gentile Dottore,
Circa 30 giorni fa ho ricevuto una pallonata (frontalmente) sulla punta del dito completamente esteso.. fitta di dolore, gonfiore, diagnosi radiologica: Distacco della base falange distale 4° dito con ben evidente disassamento dei monconi.
Al momento dell'infortunio mi trovavo all'estero, è passato del tempo prima che potessi fare accertamenti e visite.
Ieri finalmente l'ortopedico mi ha visitato e mi ha detto che qualsiasi trattamento chirurgico e non, dato il tempo trascorso, può rivelarsi inutile o addirittura controproducente, mi ha quindi consigliato di tenere il dito così com'è visto che la prensione rimane inalterata ed esteticamente non è un danno rilevante.
Devo dire che il dolore è accettabile e la mobilità buona, ma l'incapacità di estendere completamente il dito mi preoccupa, l'intervento è veramente inopportuno o si può eseguire anche a distanza di tempo?
Come si svolge e che rischi comporta?
La ringrazio per la cortese attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Rocco De Vitis
24% attività
0% attualità
12% socialità
RUFFANO (LE)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Caro signore,
da quello che descrive può trattarsi di una mallet fracture o lesione di Segond ossia una avulsione di un frammento dorsale della falange distale da lesione del tendine estensore...questo spiega la sua incapacità di estendere la falange distale.
Ora il trattamento dipende dal tempo intercorso dal trauma ed effettivamente trattate tardivamente queste lesioni possono produrre o una recidiva con incapacità di estendere la falange o una rigidità con incapacità di lfetterla.
Tutto dipende dall'aspetto radiologico e dal tempo intercorso.
Consulti un collega vicino a lei (Firenze Careggi sono bravissimi).
Saluti.
[#2] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio per la cortese e rapida risposta.
Seguirò il suo suggerimento.