Utente 165XXX
Ho 50 anni e soffro da diversi anni di DE, nel senso che riesco ad eiaculare ma il pene non è sufficientemente turgido da poter compiere una penetrazione.
Sono stato operato di varicocele SX e DX molti anni fa, e i problemi devo dire che li ho notati dopo l'intervento.(Per inciso, gli spermiogrammi dopo l'intervento erano migliori di quelli di prima anche se non tali da garantire una fertilità adeguata, secondo uno specialista) . I medici consultati hanno sempre puntato su cause più che altro psicologiche oppure mi hanno prescritto dei farmaci che però non ho ancora preso, un po' per paura di qualche effetto secondario e un po' perchè speravo di "farcela" in modo naturale. Recentemente ho letto da qualche parte che tra le possibili cause fisiologiche dell'impotenza c'è anche l'insufficienza venosa; mi sono ricordato allora che, qualche anno fa, per tutt'altri motivi, un medico mi aveva prescritto l'ecocolordoppler agli arti inferiori. Il referto recita:" Non segni di trombosi alla CUS sui distretti femorali e poplitei, bilateralmente, che presentano flusso fasico con fisiologiche risposte alle accelerazioni prossimali e distali. Anche ai distretti venosi profondi delle gambe non rilevo, per quanto possibile, trombosi. Incontinenza della safena magna destra e parva sinistra"
Il medico che eseguì l'esame mi consigliò di operarmi alla safena per evitare dolori alle gambe e vene varicose. Quello che mi interesserebbe sapere è se un tale intervento potrebbe giovare anche dal punto di vista della funzionalità erettile.
Grazie per l'interessamento.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro utente un eventuale intervento alla safena non inciderebbe in alcun modo sulla sua potenza sessuale, ma invece per verificare se è presente una DE di origine vascolare va eseguito un doppler penieno dinamico.
[#2] dopo  
Utente 165XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio molto del chiarimento.

Posso chiederle se, in base alla sua esperienza, nella mia fascia di età sono generalmente più importanti i fattori psicologici o quelli fisiologici?






[#3] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
non esistono eziopatologie differenti per fascia d'età, oggi inoltre in clinica si parla di eziologia mista, coiè anche quando sono presenti fattori organici, l'aspetto psichico è sempre da attenzionare.
Ottimale sarebbe un “approccio combinato”al d.e, , effettuato a quattro mani:
quelle dell’andrologo e quelle del sessuologo clinico. In associazione temporale alla diagnosi ed alla terapia per la disfunzione sessuale, il sessuologo, effettua la sua anamnesi psico-sessuologica, che diviene un momento di fondamentale importanza, sia per il clinico che per il paziente, diviene un contenitore di ansie, emozioni, paure, difficoltà sessuali e non, rappresenta la “ storia sessuale” del paziente, dall’inizio a quel momento.
A seconda della diagnosi di d.e( primario, secondario, situazionale, assoluto) e della data e cause relative alla disfunzione, si stabilisce unitamente all’andrologo, se effettuare una terapia sessuologica o qualche colloquio di counseling psico-sessuologico, da effettuare all’inizio della terapia orale, a metà del percorso ed a ridosso della sospensione, per evitare ricadute ed ansie anticipatorie di ricadute.
Il corpo ha una memoria corporea del fallimento ed in terapia va decondizionato questo ricordo disfunzionale.
Auguri
[#4] dopo  
Utente 165XXX

Iscritto dal 2010
grazie della risposta e dei consigli che cercherò di sfruttare