Utente 171XXX
Salve, da tre anni e mezzo ho costantemente una orticaria cronica idiopatica con angioedema, domo i sintomi in parte con cortisone e antistaminici ma senza risultati, ho fatto tanti esami, avevo gli ossiuri e li ho tolti, hanno trovato una brutta appendice e l'ho tolta, ho una tiroidite autoimmune ma con valori di tsh ecc normali, gli ormoni sono normali ad esclusione dell'estradiolo (0,0), e del progesterone(0,3); gli esami del sangue compresi epatite ecc sono negativi, le urine e urinocoltura e analisi feci tutto negativo;le ovaie sono apposto, ho fatto due volte l'ecografia ma sono in amenorrea da 5 anni e ho due cisti endometriosiche sull'ovaio sinistro; fatta la gastroscopia si è rilevato numerose colonie di helicobacter pilori, duodenite,gastrite,ernia iattale,reflusso,ulceretta;non ho ancora curato l'helicobacter, soffro di stitichezza e difficoltà digestive, non ho candida, ho fatto gli esami allergologici completi e il siero autologo ma tutto negativo, sono diventata allergica agli antibiotici tipo zimox, antinfiammatori tipo aulin che aggravano tantissimo l'orticaria; ho fatto la retto sigmoide scopia e il sigma opaco che hanno evidenziato un colon più lungo del normale e la difficoltà a svuotarsi totalmente oltre all'appendice molto infiammata che poi ho tolto nel settembre 2009; ho fatto la risonanza, la lastra e la tac ai denti e non ho gralunomi o altre problematiche; insomma ho 32 anni ma vivo e convivo con questo flagello di orticaria quotidiano, sono seguita da un medico, l'unico che non sia così spaventato dall'orticaria e che mi ha presa a cuore,secondo lui il mio problema va affrontato facendo delle pulizie intestinali con la colon idro terapy e poi successivamente fare la colonscopia e iniziare il trattamento farmacologico per l'eradicazione dell'helicobacter; Prendo da un anno il Lansox anche se ultimamente non mi è più sufficiente al senso di forte acidità e reflusso e assumo fermenti lattici tutti i giorni; l'unica pausa di orticaria che ho avuto sono stati i 3 mesi dopo l'intervento all'appendice; se avete qualche consiglio o idea in più di quello che ho già fatto vi prego di darmelo, grazie- Quattrini Giada

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Capisco la sua disperazione. Vediamo molte persone con orticaria cronica e talvolta sono legate a forme infiammatorie croniche come anche l'appendicite, granulomi o altro. Questi sintomi scompaiono generalmente da un giorno all'altro ma non si sa dopo quanto tempo: questa è una variabile soggettiva.
La terapia eradicante può essere utile visto soprattutto il suo problema digestivo veramente importante.
Se non fosse sufficiente potrebbe usare anche farmaci diversi come p.es. lo Zaditen che ha un'azione di stabilizzare i mastociti.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Paolo Fancello
24% attività
8% attualità
12% socialità
CAGLIARI (CA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Cara Giada
chiunque si occupi di orticarie (il plurale è voluto in quanto c'è sempre più di una causa )sa bene come la qualità della vita dei pz. con questo problema sia scadente, ed è proprio per questo che è importante un rapporto medico paziente stretto, per poter avere un continuo supporto psicologico ed evitare terapie o diete incongrue. Per questo è difficile aiutarti "a distanza". Dalle molte indaggini che hai fatto risulta counque che hai certamente dei problemi che molto spesso si associano alle orticarie croniche: 1) la tiroidite autoimmune che come tutte le malattie autoimmuni può essere associata a manifestazioni cutanee pur in presenza di funzione tiroidea normale, e la presenza ti t. autoimmune è associata ad una prognosi peggiore (la funzione tiroidea con l'orticaria non ha niente a che vedere); 2)l'ipersensibilità non allergica ai FANS : orticaria cronica riacutizzata dai farmaci antinfiammatori con meccanismo farmacologico e sembrerebbe anche per l'aumentato reflusso (importante eradicare l'HP se c'è); 3) la presenza di cisti ovariche con squilibrio ormonale. Purtroppo pur avendo delle motivazioni nessuna di queste generalmente ci è di aiuto da un punto di vista pratico. Ci rimane solo da tenere sotto controllo i sintomi.Questo si ottiene bene sul prurito meno bene sui pomfi. Quindi prima cosa non scoraggiarsi se l'antistaminico controlla il prurito ma non i pomfi. Il dosaggio dell'antistaminico deve essere adeguato , continuo anche per periodi prolungati (intendo mesi, e non al bisogno), per cui in alcuni casi si può raddoppiare o triplicare la dose, si possono associare due antistaminici diversi (per esempio usandone uno la notte con effetto sedativo), si può associare all'antistaminico il Montelukast, si può usare la cinarizina, si può usare in alcuni casi la ciclosporina. In genere con queste cure si riesce ad "addormentare" l'orticaria anche per anni.
[#3] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per aver risposto, non ho capito bene il punto 1) sulla tiroidite, in che senso sarebbe una prognosi peggiore? Volevo anche chiederle se secondo lei sarebbe logico eliminare le due cisti endometriosiche. Per quanto riguarda i farmaci purtroppo l'antistaminico(Kestine10) in questi 4 anni l'ho preso spessissimo, dei mesi tutti i giorni altri periodi al bisogno ma con senso di rassegnazione perchè non riesce ad alleviare il fortissimo prurito ricorrendo così al solito deltacortene o medrol 2mg,anche a causa dell'angioedema; si immagini che ho fatto anche un anno e mezzo di fila con il medrol 4mg tutti i giorni finchè lo stomaco non si è disintegrato dando ancor più man forte all'orticaria. Da qualche giorno sto facendo una dieta di solo riso o pasta in bianco,pane,pere,olio,sale per far calmare l'intestino e non assumere quegli alimenti che contengono istamina; anche se così rinuncio a tanti nutrienti importanti; comunque lo farò solo per tre settimane....oramai le tento tutte! grazie, giada
[#4] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Posso tranquillizzarla per quanto riguarda la tiroidite: molto spesso si associano le due forme, orticaria e tiroidite, senza avere una relazione causale, cioè loro vanno per conto proprio .
Per quanto riguarda le cisti non è possibile se un intervento chirurgico possa modificare l'orticaria.
La dieta la può fare se nota una relazione ma non è necessaria per l'orticaria: non esiste nessuna relazione tra orticaria cronica e dieta.
Come dicevo prima potrebbe essere utile usare anche un altro antistaminico p.es. Kestine al mattino e Zaditen alla sera.
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
infatti non è per mia volontà che sto facendo questa dieta, è solo uno dei tanti consigli che ho ricevuto ma che prendo con le pinze visto che in tutto questo tempo se l'orticaria avesse dipeso dai cibi avrebbe significato che sono allergica a tutto....cosa improbabile!(consideriamo poi che le prove allergiche anche se non sono molto attendibili le ho già fatte e con esiti tutti negativi compresi siero autologo ecc) Comunque per ora che vivo una fase particolarmente acuta elimino comunque quegli alimenti ricchi di instamina che possano dare troppa benzina all'orticaria e non vesto abiti stretti che stimolano per contatto ancora di più la comparsa dei ponfi. Grazie per i suoi preziosi suggerimenti