Utente 161XXX
volevo sapere se l'uso del viagra dava erezione certa anche nel caso di impotenza psicogenagrave insicurezza.
grazie anticipatamente per le risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve.
non esistono le erezioni certe, neanche con i farmaci.
cordialmente
[#2] dopo  
Utente 161XXX

Iscritto dal 2010
dott. Biagiotti, la ringrazio per la risposta.
Approfitto ancora di lei per chiederle se l'uso di un ansiolitico potrebbe darmi quella calma necessaria al fine di permettere al viagra di fare il suo "dovere", o se invece il suo uso potrebbe rendere inefficace il sildenafil.
grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Non sono incompatibili.
cordialmente
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Ragazzo,
mi associo al Dr.Biagiotti nel risponderle.
Prima di parlare di possibile terapia orale per il deficit erettivo, diventa indispensabile avere una diagnosi andrologica chiara, con conseguente approccio terapeutico, consono alla sua storia di vita, di coppia e sessuale.
Ottimale sarebbe un “approccio combinato”al d.e, effettuato a quattro mani:
quelle dell’andrologo e quelle del terapeuta specializzato in sessuologia clinica.
A seconda della diagnosi di d.e( primario, secondario, situazionale, assoluto) e della data e cause relative alla disfunzione, si stabilisce unitamente all’andrologo, se effettuare una terapia psico- sessuologica o qualche colloquio di counseling psico-sessuologico, da effettuare all’inizio della terapia orale, a metà del percorso ed a ridosso della sospensione, per evitare ricadute ed ansie anticipatorie di ricadute.
A volte è “ la paura della paura”, che porta il paziente alla dipendenza psicologica dal farmaco ed a non valutare la possibilità di una sospensione, soprattutto nei pazienti giovani, che non hanno memoria corporea di pregressi successi sessuali.
Auguri
[#5] dopo  
Dr.ssa Angela Pileci
52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile ragazzo,

se la diagnosi verrà confermata da un andrologo, alla tua età non credi sarebbe molto più utile lavorare sull'ansia e sull'insicurezza di cui parli e che riconosci?