Utente 173XXX
Salve a tutti i dottori

Ricorro a Voi per avere un chiarimento:
da sempre non ho eiaculazione durante i rapporti, nè con la masturbazione. Ho tuttavia delle rare polluzioni notturne. Non uso farmaci, Non bevo e non fumo: sono insomma in buona salute.
Sono stato più volte dall'andrologo, e per alcuni mesi anche da uno psicoterapeuta. Tutti mi dicono che da un punto di vista fisiologico e psichico sono ok, tuttavia non riesco a venire a capo del mio problema. Io ho paura che tutto questo mi conduca all’impossibilità, un giorno, di avere figli e alla sterilità.
Devo poter dire qualcosa di certo a me stesso e alla mia ragazza.

Premesso che ne parlerò alla prossima visita andrologica, volevo chiedere: vorrei far analizzare il liquido seminale, per vedere se almeno è ok. come posso fare? Non posso certo aspettare una polluzione...esiste qualche tecnica particolare, visto che mi è impossibile persino la masturbazione?
Ho provato con l’aiuto di un vibratore ma non sono riuscito a concludere nulla.

Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Primo passo bisogna rivalutare il suo particolare problema con un esperto andrologo coadiuvato da un bravo psicoterapeuta, questo problema deve essere risolto in modo non invasivo.

Se desidera avere più informazioni dettagliate su questa particolare disfunzione sessuale le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/228-rapporto-tarda-finire-impotenza-eiaculatoria-fare.html .

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Ragazzo,
mi accodo al Dr.Beretta nella risposta.
Le suggerirei di evitare tentativi empirici, che a volte rinforzano la disfunzione sessuale.
Dopo un'accurata valutazione andrologica, ottimale sarebbe un percorso psicoterapico ad orientamento sessuologico.
Non demorda, il tempo della sua psicoterapia è ancora veramente breve, la psiche ha tempi lunghi, affinchè si possano modificare i meccanismi ed i blocchi, che le hanno strutturato questa difficoltà.
Le cause psichiche che stanno alla base dell’anorgasmia maschile, sono legate ad un’iper controllo cosciente sulla passionalità,istintività, primitività del piacere e delle fantasie ad esso correlate.
Un Super Io troppo rigido,spesso funge da guardiano al fluire dell’eccitazione,a favore di un’auto osservazione cosciente di tutto quello che succede nel corpo e nella mente .
Un ‘altra causa correlata alla disfunzione potrebbe essere correlata ad una conflittualità all’interno del legame.
Durante la fase onirica, quindi al di sotto del livello vigile di coscienza,lei è sicuramente più sereno e meno censurato.
Auguri.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle corrette indicazioni qui ricevute dalla collega Randone, se desidera poi ancora approfondire queste tematiche, le consiglio proprio la lettura del suo bel libro: "Sessualità: usi e costumi degli italiani sotto le lenzuola" Casa Editrice Kimerik .

Un cordiale saluto.