Utente 178XXX
Salve,
dopo 1 anno di tentativi senza successo con mia moglie (che presenta problemi di ovaie micropolicistiche) mi sono deciso a fare l'esame del mio liquido seminale. Ho appena ritirato gli esami. Ad una prima lettura (senza alcuna cultura medica) la situazione non mi sembra molto felice, diagnosi: terato-astenozoospermia.

Chiedo se mi potete far capire quanto sia più o meno grave la mia situazione, a cosa possono essere causate, se ci sono e quali siano le terapie da seguire e che risultati si possono ottenere (quanto potrò migliorare?).
L'esito degli esami è il seguente:

-liquefazione (entro 1 ora) = lenta;
- colore = grigiastro;
- viscosità = anormale;
- volume = 3.0;
- ph = 8.0;
- concentrazione spermatozoi (milioni/ml) = 60;
- numero totale spermatozoi (milioni) = 180;

- motilità rapida %(a) = 0 dopo 60' e 0 dopo 120';
- motilità lenta %(b) = 38 dopo 60' e 33 dopo 120';
- non progressiva %(c) = 32 dopo 60' e 36 dopo 120'
- immobili % (d) = 30 dopo 60' e 31 dopo 120';

- vitalità dopo 60' = 70;
- forme normali % = 17;
- forme abnormali % = 83;
- anomalie della testa % = 72;
- anomalie del tratto intermedio % = 4;
- anomalie della coda % = 1;
- residui citoplastici % = 0;

cellule rotonde (milioni/ml) = 1.0
Leucociti (milioni/ml)= 0;
IgG MAR test = negativo;
Agglutinazioni = assenti;
Eritrociti = assenti.

vi ringrazio fin da ora. Attenderò con impazienza la Vs risposta che spero ampia ed esauriente (lunedì prenoto visita andrologo).
saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

nessuna diagnosi possiamo fare con un solo esame del liquido seminale che per altro, con le nuove indicazioni date dall'OMS, per la presenza di un 17% di forme normali, non ci porterebbe a fare una diagnosi di teratozoospermia.

Detto questo però ora bisogna consultare un andrologo con chiare competenze in patologia della riproduzione umana e con lui valutare dove, cioè in quale laboratorio dedicato ed aggiornato, ripetere il suo esame.

Fatto il tutto e risentito il suo andrologo anche noi poi potremmo darle il nostro consiglio mirato.

Un cordiale saluto.