Utente 176XXX
Cari dottori ho un problema. Questa sera (qualche ora fa) durante un rapporto diciamo "vigoroso" il pene è fuoriuscito dalla vagina "impuntandosi" per così dire. Il dolore non è stato forte ma immediatamente il pene si è afflosciato. Palpandomi posso sentire, tra lo scroto e l'ano (più verso lo scroto) un gonfiore e in indurimento simil-ematoma-versamento. Alla vista c'e proprio un ematoma violaceo che,diciamo, separa i due testicoli (per darvi una idea della posizione) e che parte dall'inizio dello scroto (decisamente gonfio) e termina alla base del pene (in sostanza l'asta non credo abbia subito traumi(almeno visibili). Non sono andato al prontisoccprso perché lo ritengo esagerato, e ho applicato del fastum gel nello scroto. Martedì andrò da un urologo, ma volevo capire fino che punto preoccuparmi. Inoltre il fastum gel può esser utilizzato in quarti casi?nel foglietto illustrativo parla di contusioni e non vi sono controindicazioni riguardo l'applicazione sui genitali! Il dolore che sento é proprio quello di un ematoma. Non ho problemi di erezione, s'e non un dolore localizzato sempre sotto lo scroto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve.
visto da qua auguriamoci che non si sia lesionato un corpo cavernoso e che l'ematoma sia dovuto ad una vena esterna contusa.
personalmente non sono d'accordo sul fatto di non andare al pronto soccorso, sarebbe stato immediatamente chiamato un urologo in consulenza e la diagnosi sarebbe già stata fatta.
Quanto al medicinale è un antiinfiammatorio in gel e poco può fare.
Magari ci faccia sapere
cordialmente
[#2] dopo  
Utente 176XXX

Iscritto dal 2010
grazie dottore per la risposta repentina.ho seguito il suo consiglio e appena sveglio sono andato al prontosoccorso.
dall'esame obbiettivo è scaturito:
"obbiettività generale ndr, lieve ematoma al pene e escrotale, non altre alterazioni all'esame obbiettivo, non segni e/o sintomi di sofferenza vascolare acuta."

detto che non ho idea di cosa significhino queste frasi,la diagnosi è "lieve traumatismo dei genitali"

il dottore che mi ha visitato mi ha richiesto per domani una visita specialistica di urologia, e ha indicato "riposo, ghiaccio locale con protezione"

detto che sono sollevato, (è riuscito in qualche modo a tranquillizzarmi) sono un po' scettico riguardo il "lieve" di cui sopra. insomma, ho le parti intime viola livido e non è un bel vedere.

sperando di non avere il problema, ma la lesione del corpo cavernoso, è possibile diagnosticarla senza una ecografia?(il dottore di PS mi ha guardato appena)
inoltre si può capire cosa sia "palpando"?
e soprattutto, con l'edema che ho, come possono farmi una ecografia?
nel caso in cui l'urologo domani non ritenesse opportuno fare l'ecografia, dovrei spingere per farla comunque?
infine, il ghiaccio locale, per quanto tempo e a che intervalli?
grazie
[#3] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
salve.
per il ghiaccio solo finchè lo sopporta.
l'urologo che la visiterà completerà, a suo giudizio, il quadro avvalendosi eventualmente della eco e completerà la diagnosi.augurandoci che il lieve sia tale come è probabile data la visita del prontosoccorso.
lì sapremo.
cordialmente