Utente 180XXX
Salve ho 19 anni e una vita sessuale un pò complicata. il mio primo rapporto l'ho avuto 2anni fa , ormai di tempo ne è passato ma non risolvo il problema dell'eiaculazione precoce. Facendo un pò di testa mia per un paio di notti ho tenuto il glande scoperto magari sperando che diventi meno sensibile. la mattina seguente però, mi sono trovato un pò di gonfiore e arrossamento nella parte sotto il glande ; comunque non ho avuto grandissime difficoltà a far tornare su la pelle. dopo un paio di ore sia il gonfiore che il rossore è passato. voglio sapere se con questo metodo ho qualche possibilità di ridurre la sensibilità del pene ( e così durare di piu in un rapporto sessuale) e se tale metodo però è pericoloso, visto il gonfiore che mi provoca la mattina.

Vi ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la eiaculazione precoce e' un disagio sessuale molto frequente che,in assenza di una diagnosi andrologica,vede protagonista la...fantasia del Paziente.A tal proposito confermo che il metodo empirico da Lei impiegato non fa male ma,di certo,non migliora la EP.Ho il sospetto che non abbia una
buona evaginazione del prepuzio sul glande.Ne parli con un esperto andrologo.Cordilita'.
[#2] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signotre,
magari ha una fimosi, che magari le provoca o le aggrava problemi eiaculatori. Srenta un collerga dasl vivo ed eviti il fai da te.