Utente 432XXX
E' stata diagnosticata questa malattia alla mia bambina di 9 anni.
C'è solo una chiazza bianca di pelle atrofizzata sullo sterno e dalla visita non è risultato altro inclusa la zona vaginale.
Le testimonianze che ho letto su questo sito parlano di gravi problemi a livello vaginale che si fa anche fatica a risolvere.
Dobbiamo fare una cura locale con una pomata che si chiama Flixoderm ma per il futuro, per evitare che possa estendersi in luoghi molto più problematici, come mi devo comportare ? Posso pensare di fare opera di prevenzione ?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Genitle utente,

Il LICHEN SCLEROSUS o SCLEROATROFICO, è una patologia che può colpire anche la fascia pediatrica, soprattutto femminile.

Tali manifestazioni possono evidenziarsi a carico di tutto il tegumento corporeo, ma la zona di predilizione è indubbiamente quella genitale.

pertanto, dando per scontata l'attendibilità della diagnosi, mi preme sottolineare come tali situazioni extra-genitali debbano essere prese con attenzione ma senza ansia immotivata: le valga conoscere però che nelle more di motissime situazioni similari al LS in età pediatrica (non ultima una chiazza di MORFEA: altra patologia autoimmunitaria) la diagnosi di certezza viene fatta solo dopo l'esame istologico, che pur essendo un semplice e banalissimo prelievo di un frammento di pelle, può diventare indaginoso e complicato nell'età pediatrica, per la scarsa adesione del piccolo paziente.

pertanto, il consiglio che deve partire da questa sede non può essere terapeutico ma orientativo:

cerchi di rideterminarsi con il DERMATOLOGO che ha effettuato tale diagnosi, chiedendo a lui dei nuovi lumi per le terapie (anche e soprattutto rivolte contro i radicali liberi) che la sua bambina può fare, sulle modalità di somministrazione( sciroppi, gocce, alimentazione, compresse) sui dosaggi, e soprattutto sul FOLLOW-UP (il controlli periodici futuri) che la sua bambina dovrà effettuare per la vostra massima tranquillità.

Se la situazione, ovviamente come potrà immaginare, non prevedibile, dovrebbe estendersi in loco od in altre sedi, sarà opportuno pensare al prossimo futuro e ad una biopsia cutanea seguita da esame istologico ed immunofluorescenza diretta (comunque eseguibile, se necessario anche in questa età).

carissimi saluti.
DOTT. LUIGI LAINO
SPECIALISTA DERMATOLOGO E VENEREOLOGO
ROMA
[#2] dopo  
Utente 432XXX

Iscritto dal 2007
Il dermatologo mi ha già dato appuntamento tra due mesi, alla fine della cura che mi ha dato.
Può dirmi solo se ritiene il medicinale utile sia in presenza di LS sia in presenza della macchia di Morfea che lei ha suggerito ?
Conosce nella eventualità un bravo dermatologo pediatrico da consigliarmi per il futuro ?
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Nonostante la mia esperienza in ambito dermatologica pediatrica non mi consente di effettuare delle preferenze sui miei colleghi: a Milano ce ne sono tanti e tutti bravi.

Per il resto, a prescindere dalla diagnosi (che dovrebbe essere perfezionata con precisione) un pochino di attenzione per l'applicazione topica di fluticasone poichè nei bambini l'assorbimento è molto più elevato (ma suppongo che il dermatologo non abbia prescritto tale terapia per 2 mesi consecutivi..)

cari saluti.
DOTT. LAINO
[#4] dopo  
Utente 432XXX

Iscritto dal 2007
Ci siamo. Si è allargato e da un lato si è arrossato (come spaccato).
Domani abbiamo la prima visita dal dermatologo dal quale siamo sempre andati ma per luglio ho già l'appuntamento per un altro consulto.
Di cosa devo preoccuparmi ?
Queste cose si possono trasformare in tumori ?
[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gntile utente

vedo che quasi dopo tre anni il problema ancora e' presente. Direi di afgidarsi al nilbo consulto per verificare lo stato atuale e riaggiornare la terapia che deve essere approntata al meglio.

Non pensate ai tumori non mimpare un approccio corretto alla malattia lichen sclerosus.

Saluti
dott Laino