Utente 432XXX
Gentilissimi Medici
Ho 21 anni e credo di essere affetto da fimosi...uso il verbo "credo" proprio perche, non avendo mai avuto rapporti sessuali il problema non si è mai presentato.
Voglio esporvi brevemente le problematiche per sapere se si tratta di reale fimosi.
Con il pene totalmente a riposo non ho nessun problema a soverchiare il glande, avviene con naturalezza, senza nessuna forzatura ne problema.
A pene eretto riesco a soverchiare il glande, senza grossi problemi sebbene soverchiato totalemente presenta leggerissimi segni di costrizione nella zona sottostante il glande, dando un leggerissimo fastidio, come una leggera strozzatura che non vorrei nell'eventualità di un rapporto sessuale possa dare problemi.
Esposto cio volevo sapere come comportarmi e se questo problema richiede necessariamente un intervento chirurgico, anche perchè detto in tutta onestà , avrei tantissima paura di sostenere un intervento in una zona così delicata, anche conoscendo le condizioni sanitarie della mia regione, la Sicilia.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve! dovrebbe farsi visitare da uno specialista, non mancano nella sua bella regione colleghi e strutture validissime.
cordialmente
[#2] dopo  
Utente 432XXX

Iscritto dal 2007
Uhm...ma secondo cio che ho brevemente (e male) descritto si tratta di fimosi o no??
Magari se avere qualche consiglio su chi poter fare affidamento nella provincia di Ragusa (durante la registrazione ho sbagliato provincia) non sarebbe affatto male...se non vi reca disturbo...
Grazie infinite
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
caro ragazzo,
dalla sua descrizione non sembrerebbe necessario un intervento, il quale è cmq molto banale e può essere fatto in anestesia locale.
le consiglio cmq una visita in quanto per fare una diagnosi precisa è necessaria una visita.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
per consultare un androlog della sua provincia può controllare sul sito www.andrologiaitaliana.it
[#5] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
le condizioni della Sanità Sicilian non sono diverse da quelle Toscane o Lombarde, mi creda sulla parola.
Inutile perlare di circoncisione senza avere una diagnosi di certezza.
In ogni caso, se può esserLe di aiuto e motivo di tranquillità, vorrei dirLe che l'intervento di circoncisione, procedura come sempre ripeto delicata e non banale, sia nel nord d?Italia che nel sud, consiste nell'asportare l'anello di prepuzio ristretto che strozza il glande in erezione, se non serrata, oppure anche a riposo dell'organo, se serrata.
Non esistono diversi tipi di circoncisione...che so io, parziale, totale, semicirconcisione. La circoncisione è una. Esistono diverse tecniche chirurgiche per eseguirla.
Io personalmente preferisco eseguire una circoncisione che comporti la possibilità di ricoprire il glande a riposo e di scoprirlo con estrema facilità in erezione. Credo che questo aiuti a preservare la delicata sensibilità della zona. Altri Chirurghi eseguono una perfetta circoncisione che lascia sempre scoperto il glande anche a riposo. Dipende dalle abitudini e convinzioni sia del Chirurgo che del paziente. Quest'ultimo, entro determinati limiti, può senz'altro scegliere fra le due possibilità.
La plastica "a zeta", ha indicazioni diverse dalla semplice fimosi. Io la utilizzo quando non voglio, o non posso, eseguire proprio una circoncisione, vista magari la presenza anche di anomalie congenite di conformazione del pene, per l'esistenza di fimosi con patologie associate (ipospadia ad esempio), quando l'anello prepuziale è congenitamente minimo o assente in alcune parti, quando la fimosi è susseguente ad un trauma, quando la fimosi è susseguente ad ustioni etc. Oppure, come sempre più spesso mi accade di vedere, la fimosi è recidiva, cioè un esito di un pregresso intervento di circoncisione tecnicamente non perfettamente eseguito.
Per altri particolari tecnici, può rileggersi le numerose risposte sull'argomento che troverà nella biblioteca del forum. I punti di sutura dei margini cutaneo mucosi sono sottilissimi e verranno riassorbiti. Nessuna convalescenza. Nessun impedimento all'attività sportiva e lavorativa. Nessun dolore intra e post-operatorio. Vietati però i rapporti sessuali penetrativi sino alla caduta dei punti, quindi in genere per due settimane.
No comment sull'uso di creme, unguenti, balsami, linimenti, riti propriziatori e scaramantici.
E' inutile aggiungere che tutte le rassicurazioni del caso, e le risposte a legittime domande, Lei le avrà davvero solo dal Medico di fiducia che sceglierà se dovrà essere operato.
Affettuosi auguri di pronta risoluzione del Suo problema e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO